Nascita del bambino + Travaglio + parto Nascita del bambino + Travaglio + parto
Neonato

Partorire senza paura

Partorire senza paura

La maggior parte delle donne attende la nascita del proprio bambino con aspettativa ed eccitazione. Anche se la gravidanza non è stata del tutto facile, il pensiero del bambino le sostiene durante i lunghi mesi di gestazione.

Ma per molte donne questa eccitazione è stemperata da sentimenti di ansia e paura. Identificare la causa esatta della loro preoccupazione può essere difficile.

Principali ragioni per cui le madri hanno paura del parto

  • Paura generalizzata dell'ignoto

  • Preoccupazione per il dolore e come affrontarlo

  • Un'esperienza precedente con il parto che non è andata bene

  • Domande come "Starà bene il mio bambino?", "Starò bene io?" e "E se uno di noi non stesse bene?".

  • Preoccupazione per come il partner affronterà il loro dolore

  • Preoccupazione per i futuri cambiamenti nel loro rapporto (in particolare, il loro partner le troverà ancora sessualmente attraenti?)

  • Paura di mettersi in imbarazzo durante il travaglio - sembrare o apparire poco attraenti o ridicole

  • Preoccupazione per la perdita di controllo e paura di “perderlo”

  • Non sapere cosa fare e magari apparire sciocche

  • Preoccupazione per i cambiamenti del loro corpo e per gli effetti a lungo termine che il parto avrà sul loro aspetto

La paura del parto – quando è esagerata?

Un po' di preoccupazione positiva va bene - in fondo è questo che ci rende umani. Tuttavia, l'ansia che logora tutto è un indicatore preoccupante

Fate attenzione a questi segnali:

  • Sentirsi così ansiose per il parto imminente da compromettere la vostra vita quotidiana

  • Preoccuparsi costantemente della nascita e non riuscire a pensare ad altre cose

  • Sperimentare disturbi del sonno come difficoltà ad addormentarsi, incubi, difficoltà a "staccare" per addormentarsi, svegliarsi la mattina presto e non riuscire a riaddormentarsi

  • Cambiare abitudini alimentari e non apprezzare il cibo come al solito; questo spesso può essere dovuto a sentimenti di tensione generalizzata

  • Non godersi la gravidanza o sentirsi emotivamente separate dal proprio bambino

  • Sentimenti di risentimento verso il bambino e/o il partner

  • Non voler prendere in considerazione un parto naturale e insistere sul parto cesareo (questa sembra essere un'esperienza comune per le donne che hanno un'ansia incontrollata per il travaglio e il parto)

  • In generale essere ossessionate dal parto e non riuscire a pensare ad altro

Alcune donne sono sopraffatte dall’ansia per il parto e ricevono una diagnosi formale di una condizione nota come tocofobia (dalle greco Tocos = parto + fobia = paura). Si stima che circa il 6-10% delle donne incinte rientri in questa categoria. La ricerca ha dimostrato che questa piccola percentuale di donne, inoltre, ha un rischio maggiore di avere problemi di salute mentale rispetto ad altre donne in età fertile.

La tocofobia è più comune nelle donne che hanno avuto un precedente parto traumatico. L'assistenza psichiatrica specialistica con consulenza di supporto durante il periodo prenatale e postnatale è estremamente utile per aiutare le donne ad affrontare le fobie della nascita.

Cosa aiuta a partorire senza paure?

Prepararsi a ciò che verrà può aiutare a ridurre l'ansia durante la gravidanza. Raccogliere il maggior numero di informazioni possibili sul travaglio, il parto e il recupero post-parto può fare una grande differenza. Aspettare il parto piuttosto che temere il parto è un processo di responsabilizzazione.

  • Parlate con l'ostetrica o l'operatore sanitario. Riconoscere la propria ansia è il primo passo per affrontarla in modo efficace.

  • Esprimete le vostre preoccupazioni con il vostro partner, la vostra famiglia e i vostri amici. Rimarrete stupiti da quanto le persone siano disposte a sostenervi e a condividere le loro esperienze simili.

  • Evitate di ascoltare le storie “horror” dei parti di altre donne. Scusatevi e dileguatevi subito - chiunque abbia un briciolo di sensibilità non condividerà comunque così tante informazioni.

  • Sviluppate un piano del parto realistico, preferibilmente un piano che includa i vostri desideri, pur tenendo conto di eventuali imprevisti. Ricordate, il travaglio e il parto non sono una questione di controllo assoluto - a volte diventa necessario cedere il nostro controllo personale agli operatori sanitari.

  • Cercate cure e sostegno extra, in particolare per quanto riguarda l'educazione alla nascita.

  • Abbiate fiducia nel personale sanitario che vi sostiene. Dispongono di sistemi e processi ideati per garantire i risultati migliori e più sicuri alle madri e ai loro bambini.

  • Non abbiate paura di fare domande e chiedere spiegazioni. Se vi sentite confuse, insicure, spaventate o preoccupate, ditelo alla vostra ostetrica. La tensione non aiuterà il vostro corpo ad attraversare il travaglio in modo efficace.

  • Leggete tutto quello che potete sul travaglio, il parto, le opzioni per alleviare il dolore e il recupero post-parto.

  • Frequentate corsi di rilassamento (ad esempio yoga e rilassamento muscolare progressivo), corsi di educazione al parto, corsi di meditazione e di massaggio.

Può essere d’aiuto anche ricordare che il parto è un evento naturale e quotidiano per l’essere umano. Anche se le nostre esperienze di nascita come individui sono illimitate, il processo del parto è completamente di routine.

Nessun dolore, nessun guadagno?

Il dolore del parto non è privo di ricompense. Nessuno si aspetta di trovarsi in situazioni che non capisce e non può controllare. In un certo senso, ciò che accade durante il travaglio non è effettivamente sotto il nostro controllo. Non è il momento della prevedibilità e delle garanzie. L'unico risultato sicuro del travaglio e del parto è che finirà. C'è un lasso di tempo nel quale il travaglio, per essere sicuro, deve essere iniziato, e nel quale il bambino deve nascere per garantire la sua sicurezza.

Sapere che c'è un tempo "linea nella sabbia" per la fine del travaglio aiuta a renderlo più sopportabile.

Alleviare il dolore del parto

Alcune donne sono assolutamente convinte di voler alleviare il dolore mentre sono in travaglio. Lo vedono come un travaglio più naturale e valido e non vogliono alcuna potenziale interferenza con la loro esperienza di parto. Altre non sono così inclini e prevedono di richiedere un'epidurale al primo colpo di scena.

Il modo in cui interpretiamo il dolore e lo affrontiamo è molto soggettivo. Ciò che è giusto per noi non può essere messo a confronto con gli altri. L'esperienza del dolore da parto non rende le madri più reali o autentiche, stessa cosa per l'allattamento al seno. Ognuno di noi è un essere unico. Evitate di sentirvi in dovere di giustificare la vostra scelta di ridurre il dolore a chiunque, incluse voi stesse.

Travaglio senza paura:

  • Fate i compiti a casa - familiarizzate il più possibile con ciò che comporta il parto ed educate voi stesse e il vostro partner. Ricordate, tendiamo ad avere più paura delle situazioni che non comprendiamo.

  • Mantenersi attivi - i nostri corpi sono progettati per muoversi. A meno che non ci si trovi in una condizione che impedisce di muoversi durante il travaglio, allora la mobilità aiuta in genere a progredire più rapidamente.

  • Fate un po' di visualizzazione creativa o di meditazione - qualsiasi cosa vi aiuti a concentrarvi. Molte donne si trovano in uno stato quasi primordiale durante il travaglio. Cedete alle forze che il vostro corpo sta dettando e affidatevi al fatto che sa cosa fare.

  • Portate con voi in sala travaglio un lettore musicale o il vostro CD preferito, qualche olio aromaterapico o profumo. Durante il travaglio sono coinvolti tutti i nostri sensi e questo è un momento di grande sensibilità.

  • Tenete il vostro partner vicino. Ad alcune donne piace avere più di una persona di supporto al parto con loro; invitate le persone con cui vi sentite maggiormente a vostro agio. Tuttavia, verificate prima quante persone di supporto ammette il vostro ospedale.

  • Cercate di concentrarvi sul vostro bambino e a visualizzarlo mentre attraversa il processo di travaglio con voi. Cercate di non vedere il dolore in modo del tutto negativo; è un mezzo per raggiungere un fine.

  • Cercate di rilassarvi quando potete tra una contrazione e l'altra. La sensazione di tensione non farà che aumentare il vostro disagio, quindi cogliete l'occasione per riposare quando possibile.

  • Rimanete concentrate sulle vostre contrazioni man mano che arrivano, piuttosto che pensare a come affronterete le successive. Affrontate una contrazione alla volta. Ricordate, piccoli passi.

  • Non sentitevi in imbarazzo - la vostra assistente e/o l'ostetrica ha già visto e sentito migliaia di volta prima qualunque cosa possiate fare o dire. Se avete bisogno di grugnire, urlare, imprecare, bestemmiare, ansimare o una combinazione di tutto questo, allora andate avanti e fatelo.

Ricordate che per molte donne le aspettative sul parto non corrispondono alla realtà. La pianificazione non può fare molto.

EmptyView