Gravidanza + Fertilità + Tasso di fertilità + Età di Fertilità Gravidanza + Fertilità + Tasso di fertilità + Età di Fertilità
Gravidanza

Età di fertilità

Età di fertilità

La fertilità è strettamente correlata all’età, sia negli uomini che nelle donne. Per entrambi i sessi, il picco di fertilità coincide con la fascia di età compresa tra la tarda adolescenza e i trent’anni.

Dopo quest’età, si assiste a un declino della fertilità, al punto che dopo i 45 anni è davvero insolito che una donna resti incinta con i propri ovuli ed è ancor più improbabile (sebbene non impossibile) per un uomo di cinquant’anni e più concepire un bambino.

Si tratta tuttavia di un fenomeno meno noto, nonostante sia stato individuato uno stretto collegamento tra minore fertilità ed età negli uomini.

Fertilità ed età per la donna

Si suppone che l’età fertile delle donne vada dai 15 ai 44 anni [vedere commenti]. E, sebbene la tecnologia medica abbia reso possibile la gravidanza a donne di quasi cinquant’anni e più, si tratta, in generale, di gravidanze in cui si è fatto ricorso a ovuli donati da donne molto più giovani.

La fertilità nella donna dipende dall’età dei suoi ovuli.

Dal punto di vista fisico, molte donne sono in grado di avere un bambino ben oltre i quarant’anni (e persino i cinquanta), ma le probabilità di produrre ovuli in grado di sostenere una gravidanza iniziano a diminuire dopo i 30 anni e si riducono notevolmente ogni anno dopo i 35.

Il livello di fertilità della donna è all’apice tra i 20 e i 27 anni.

Dai 27 ai 35 anni, le donne presentano una fertilità elevata, mentre la qualità degli ovuli subisce un leggero calo con il passare del tempo.

Dopo i 35 anni invece, si manifesta un netto declino nella qualità delle cellule uovo.

Fertilità ed età per l’uomo

Solitamente, gli uomini raggiungono il picco di fertilità tra i venti e i venticinque anni. Le ricerche hanno dimostrato una riduzione netta della fertilità dell’uomo con l’invecchiamento, tuttavia la situazione non è molto chiara, in quanto non si tratta di una teoria universale come il collegamento tra età e fertilità nella donna.

Dai trent’anni, un indicatore di fertilità chiave nei maschi - il livello di testosterone necessario alla maturazione degli spermatozoi - inizia a scendere lentamente.

Dopo i quaranta, il volume dei testicoli dell’uomo comincia a ridursi, e la qualità e la quantità degli spermatozoi prodotti cominciano progressivamente a diminuire.

Fertilità, età e disabilità

Con l’invecchiamento, la fertilità dell’uomo diminuisce, mentre aumentano le probabilità di produrre spermatozoi con maggiori mutazioni genetiche. Negli ultra-trentacinquenni si è riscontrata una percentuale superiore di mutazioni degli spermatozoi rispetto agli uomini tra i 20 e i 35 anni.

Esiste una stretta correlazione tra età della madre e rischio di avere un bambino con sindrome di Down (che resta la più comune causa genetica di disabilità mentale). Studi recenti hanno associato l’incidenza della sindrome di Down anche all’età del padre.

L’età del padre è inoltre collegata ad altre condizioni gravi, come la leucemia infantile e la schizofrenia.

Fertilità ed età - Probabilità di rimanere incinta in meno di un anno

Se ti interessano le percentuali e le medie, tutti sanno che una coppia giovane in salute sotto i trent’anni e senza problemi di fertilità riuscirà a concepire entro quattro mesi di rapporti sessuali non protetti.

Dai 21 anni, la fertilità inizia lentamente a diminuire fino ai 35, per poi scendere più rapidamente fino a 40 anni, a cui segue un rapido declino.

La tabella seguente sulla correlazione fertilità-età è una stima comune della probabilità di concepimento quando i partner di una coppia sono coetanei e dopo un anno di rapporti sessuali non protetti:

20 anni: 90%

30 anni: 70%

35 anni: 55%

40 anni: 45%

45 anni: 6%

Fertilità ed età - Probabilità di rimanere incinta con rapporti sessuali nel giorno di picco del concepimento

Uno studio italo-americano del 2002 su 782 coppie sane ha scoperto che le probabilità di rimanere incinta in un ciclo mestruale avendo rapporti sessuali nel giorno di picco del concepimento dipendevano dall’età di ogni partner:

Da 19 a 26 anni: 50% di probabilità di rimanere incinta a ogni ciclo mestruale

Da 27 a 34 anni: 40% di probabilità di rimanere incinta a ogni ciclo mestruale

Dai 35 ai 39 anni – con partner maschio più anziano della donna di meno di cinque anni: meno del 30% di probabilità di rimanere incinta in un ciclo mestruale

Dai 35 ai 39 anni – con partner maschio più anziano della donna di oltre cinque anni: meno del 20% di probabilità di rimanere incinta in un ciclo mestruale

Fertilità ed età – Percentuali di successo della fecondazione in vitro (IVF)

La percezione generale è che le tecniche di procreazione assistita come l’IVF possano posticipare il declino naturale della fertilità legato all’età.

Non è esatto. Le percentuali di successo di IVF e altre tecniche di procreazione assistita riflettono direttamente il collegamento tra fertilità ed età che esiste nella procreazione non medicalmente assistita.

Gli ultimi dati resi noti dai Center for Disease Control and Prevention (CDC), che monitorano le percentuali di successo in termini di fertilità negli Stati Uniti, dimostrano che la percentuale di bambini nati vivi a seguito di IVF e trattamenti simili utilizzando gli ovuli materni diminuisce con l’età.

Nelle donne con meno di 35 anni, la probabilità di un bambino nato vivo dopo un ciclo di trattamenti di procreazione assistita (compresa l’IVF) con i propri ovuli era del 45% circa.

Tuttavia, le percentuali di successo delle tecniche di procreazione assistita in donne che usano i propri ovuli nella fascia di età 35-37 era del 37% circa, con un rapido calo al 6,6% oltre i 42 anni.

Le percentuali di successo delle tecniche di procreazione assistita dipendono quasi esclusivamente dall’età della donatrice dell’ovulo: donne intorno ai quarantacinque anni che usano l’ovulo di una donatrice tra i 20 e i 30 anni hanno percentuali di successo intorno al 40%.

EmptyView