Gravidanza - sviluppo del bebè - settimana 40 Gravidanza - sviluppo del bebè - settimana 40
Gravidanza

Settimana 40

Settimana 40

Quarantesima settimana di gravidanza

Ora sei davvero pronta, potrebbe accadere in qualsiasi momento! Non è chiaro esattamente cosa scateni il travaglio. Secondo una delle teorie, il bambino produce una particolare proteina che innesca le contrazioni nella mamma.

Eccoti qui, ce l'hai fatta. Congratulazioni, sei arrivata alla 40a settimana di gravidanza! Anche se probabilmente hai pensato molte volte di non farcela, in realtà hai ottenuto quello che volevi. Forse sei sinceramente stanca di questi nove mesi, e non vedi l’ora che tutto sia finito. Ti senti a disagio dentro e fuori, e i tuoi livelli di energia sono più bassi del solito. Non riesci a mantenere l’attenzione, né a pianificare come organizzarti nel caso in cui il bambino arrivi adesso. È come se la tua vita fosse stata messa in pausa.

Dove sono mocio e secchio?

Non tutte le donne aspettano di arrivare a 40 settimane di gravidanza per godersi il meritato riposo. Alcune potrebbero farsi prendere dall’ossessione di mettersi a pulire, vedendo tracce di sporco in agguato in ogni angolo. Nessuna stanza si salva, e rendere la casa un ambiente incontaminato per l'arrivo del bebè diventa la loro priorità numero 1. Nonostante gli sguardi divertiti del partner, questo fenomeno, detto “sindrome del nido”, è piuttosto comune e infatti si concretizza nell’organizzazione di un ambiente pulito e sicuro per il neonato.

Cambiamenti fisici di questa settimana

Questa settimana avvertirai numerose contrazioni di Braxton Hicks, che favoriranno l’afflusso di una dose massiccia di sangue ossigenato verso il tuo utero e il bambino. A volte potrebbero sembrare piuttosto intense, tuttavia se rimangono indolori e irregolari, si tratta di un falso allarme. Se ti senti infastidita, puoi alleviarle con una doccia calda o un cambio di posizione.

Se il bambino ha impegnato il canale del parto, la forma del tuo corpo cambierà e le persone potrebbero commentare dicendoti che «la pancia è scesa». Anche se questo ti permette di respirare con maggiore facilità, è impossibile ignorare la pressione extra sulla vescica. Il bagno potrebbe diventare la stanza che frequenti più assiduamente questa settimana. Ricorda a te stessa che molto presto le cose miglioreranno.

Questa settimana ti sentirai molto pesante a livello dell’utero, quasi satura. Se hai già partorito in precedenza, potresti avere la sensazione di non riuscire a trattenere il bambino, soprattutto quando sei in piedi. I muscoli pelvici stanno facendo gli straordinari per sostenere il peso concentrato dell’utero e, come una fionda troppo tesa, tendono a cedere nei punti critici. Facilita il loro lavoro, e siediti quando puoi. Trova una sedia o una poltrona comoda e prendi posto con un drink, un buon libro e il telefono a portata di mano. Quando sei incinta di 40 settimane, non resta davvero che aspettare.

La pelle della tua pancia è tesa come un tamburo. L'ombelico sembra rovesciato e le smagliature sono di colore rosso vivo o viola. Troverai difficile immaginare che la pelle della pancia possa diventare ancora più tesa, ma se superi il termine è proprio quello che accadrà. Se provi ad abbracciare la pancia, non è detto che le dita delle mani riescano a toccarsi.

Se improvvisamente hai una perdita di liquido dalla vagina, simile a un fiotto, una serie di contrazioni regolari e dolorose circa ogni 15 minuti, o un dolore stabile e continuo nella parte bassa della schiena, senti il parere del ginecologo o dell’ostetrica. Potrebbero essere tutti sintomi dell’inizio del travaglio.

Cambiamenti emotivi di questa settimana

Probabilmente ti senti sulle spine. Hai aspettato questa settimana per tanto tempo e, se non succederà nulla, rimarrai delusa. I tuoi cari e gli amici più stretti ti telefoneranno per sapere se hai avuto il bambino, o se manca poco. Ti stancherai presto di ripetere la stessa cosa più e più volte. Tutto diventa più facile se chiedi loro di non contattarti, sottolineando che li informerai non appena succederà qualcosa.

Avvertirai un mix di trepidazione ed entusiasmo, ansia e impazienza. Questa settimana è ricca di emozioni, che possono aumentare qualora pensassi di non riuscire a controllare ciò che accade. Se sei preoccupata per la tua reazione ai dolori del parto, informati il più possibile sulle opzioni di controllo del dolore. Parla con il ginecologo o l’ostetrica di ciò che vorresti che accadesse e specificalo anche sul piano del parto.

Come cambia il bambino questa settimana

Anche se ti senti come se ne avessi abbastanza, è probabile che il tuo bambino non sia per nulla turbato dalla situazione. Tuttavia, lo spazio è davvero poco nella tua pancia e il piccolo inquilino dovrà presto essere sfrattato, nonostante l’ambiente sia molto accogliente. Il bambino è rannicchiato in maniera talmente perfetta che, una volta nato, ti chiederai come faceva a stare dentro di te. Nei primi giorni di vita, il bambino manterrà le stesse posizioni assunte in tutte quelle lunghe settimane di gestazione.

Il ginecologo o l’ostetrica ti faranno domande sui movimenti del bambino, sul livello di attività e se hai notato qualche cambiamento nelle sue abitudini. Potrebbero anche chiederti di annotare cosa succede, e portare i tuoi appunti alla visita prenatale di questa settimana. Questa settimana potrebbe essere necessario eseguire un monitoraggio cardiotocografico (CTG), un esame che rileva il battito cardiaco del bambino e l'attività della muscolatura uterina. Questo fornirà importanti informazioni ai medici che ti assistono, per valutare il benessere del piccolo.

Consigli per questa settimana

Non rimandare all'ultimo minuto la preparazione della borsa per l'ospedale. La frenesia di trovare in fretta ciò che ti serve può creare un livello eccessivo e nocivo di stress. Se hai in previsione un normale parto vaginale, rimarrai in ospedale al massimo 3 giorni, quindi non esagerare con i cambi. Di giorno, la maggior parte delle donne indossa i normali indumenti piuttosto che pigiami o camicie da notte, quindi metti in valigia maglie comode e facili da aprire sul davanti se hai intenzione di allattare.

Se non pensi di allattare il bebè al seno, potrebbe esserti richiesto di provvedere al latte artificiale, al biberon e a tutto l’occorrente. Verifica con l’ospedale quali sono le procedure in vigore per il lavaggio e la sterilizzazione di biberon e tettarelle.

Se la gravidanza ti ha stremato e vuoi che il parto sia indotto, parlane con il tuo medico. Scegliere di indurre il travaglio è una decisione personale per la quale è necessario prendere in considerazione molteplici fattori. Ricorda che l’incidenza del passaggio da parto naturale a parto assistito è più elevata nelle donne che ricevono l’induzione di travaglio.

Se era stato scelto il parto cesareo, è probabile che il bambino sia nato la scorsa settimana.

Preparati alla settimana 41.

EmptyView