Genitori + Papà a tempo pieno Genitori + Papà a tempo pieno
Neonato

Papà a tempo pieno

Papà casalinghi

Nel 1987, molti genitori si sono riversati al cinema per vedere “Tre scapoli e un bebè”, un film hollywoodiano su tre scapoli che all'improvviso si ritrovano a dover accudire un neonato. Il film era una commedia che trattava in particolare della scarsa esperienza degli uomini in cose come il cambio dei pannolini. Come spesso accade, l'industria dell’intrattenimento rispecchia di solito i cambiamenti che avvengono nel mondo reale...

Quanti sono?

Tradizionalmente, i padri passavano tutto il giorno al lavoro, mentre la mamma "gestiva la casa". Il ruolo di papà era quello di "portare a casa il pane", e la sua attività di genitore si limitava a insegnare nuove abilità, attività fisiche e disciplina.

Ora, molti padri condividono maggiormente la cura pratica dei figli, come l'alimentazione e il bagno dei neonati, oppure accompagnare i figli più grandi alle attività. Ma quando la coppia si spinge oltre (il padre è la persona che si occupa primariamente dei figli), vecchie e nuove concezioni possono trovarsi in contrasto. Può suscitare una serie di reazioni, dall'ammirazione per un approccio "fuori dagli schemi" all'educazione dei figli, fino alla disapprovazione, insinuando una sorta di egoismo o di fallimento. Fortunatamente, l’accettazione positiva sta lentamente crescendo.

Perché al giorno d’oggi ci sono più coppie che si organizzano in questo modo?

L'aumento dei “padri casalinghi” può essere attribuito a molti cambiamenti sociali.

Molti uomini vengono licenziati o si dimettono a causa di provvedimenti finanziari o politici adottato. Il risultato molti più papà si trovano costretto a diventare più attivi nell'educazione e nella cura dei propri figli. Questi uomini sono diventati più pratici dei loro padri, e sempre più assumono in casa dei ruoli tradizionalmente "materni".

Nonostante persista un divario salariale generalizzato tra i sessi, in alcune coppie la capacità reddituale della madre è uguale o superiore a quella del padre, e questo rende possibile un cambiamento nel ruolo dei genitori. Allo stesso tempo, visto l’aumento dei costi per la cura dei bambini, a volte conviene di più ad entrambi i genitori svolgere un lavoro part-time che consenta di ripartirsi il ruolo di cura dei figli. Alcune coppie ritengono che avere entrambi carriere lavorative e tempo pieno lasci troppo poco tempo per fare il genitore.

Difficoltà per i papà

  • Mantenere uno o più bambini ben nutriti, vestiti, puliti, al sicuro e impegnati richiede molto più tempo, energia e creatività di quanto molti papà pensino. A dire il vero, le vecchie abitudini che avevano sul lavoro (il caffè del mattino, la lista delle cose da fare, i promemoria) possono essere molto utili se applicate a casa.

  • Rispondere alla domanda "Cosa fai per vivere?” Una risposta fuori dagli schemi può essere un’ottima soluzione per dare un taglio alla conversazione.

  • Affrontare la solitudine e l'isolamento. È probabile che gli manchino le chiacchierate quotidiane con i colleghi di lavoro, e anche se i gruppi di gioco sono sicuramente delle ottime soluzioni per i genitori, sono composti prevalentemente da donne. Fortunatamente in giro ci sono altri papà casalinghi: dovrà solo sfruttare le sue capacità di fare gruppo.

  • A differenza della quantificazione dei “risultati” sul posto di lavoro, è probabile che dopo un’intera giornata a casa faccia fatica a quantificare ciò che ha fatto.

  • Il papà non è più quello che "porta i soldi". Questo può essere un problema per alcune coppie.

Difficoltà per le mamme

  • Sentire la mancanza dei figli.

  • Perdersi "i momenti importanti".

  • Forse un po’ di "senso di colpa" per non aver fatto quello che ha fatto tua madre.

  • A volte, un bisogno di "affliggerti" per aver perso il tuo ruolo casalingo.

EmptyView