neogenitori + restare a casa neogenitori + restare a casa
Neonato

Mamme a tempo pieno

Mamme a tempo pieno

Crescere un figlio è una delle imprese più impegnative e gratificanti della vita. Senza alcun dubbio. Ma alla domanda se le mamme debbano restare a casa per occuparsi dei loro figli oppure lavorare fuori casa, manca una risposta coerente. Perché ci sono delle ragioni sia per decidere di restare a casa sia per decidere di lavorare, e la scelta migliore dipende da ogni singola famiglia.

Può essere interessante confrontarsi sulle soluzioni che funzionano per le varie famiglie, senza però dare vita un'attività competitiva. Le mamme casalinghe non sono madri più “vere”, né sono necessariamente più legate emotivamente ai propri figli rispetto a quelle che lavorano. Allo stesso modo, le mamme che stanno a casa sono tutt'altro che inattive o privilegiate.

Eppure, in qualche modo, questi preconcetti si sono fatti strada nelle discussioni tra madri lavoratrici e madri casalinghe. Vale la pena ricordare che la genitorialità è, idealmente, un'esperienza che unisce. La maggior parte di noi vuole il meglio per i propri figli ed è disposta a lavorare molto per raggiungere questo obiettivo in qualunque modo possibile. Sappiamo che le critiche spesso nascondono un’insicurezza. Spesso il tentativo di screditare altre persone ci fa sentire superiori e a nostro agio nelle nostre scelte.

La fiducia in sé stessi e la sicurezza sono la base per una buona salute emotiva, che a sua volta non può che giovare alla nuova generazione. Prendi le tue decisioni e fai ciò che è giusto per la tua famiglia.

I vantaggi di essere una mamma casalinga

  • Stare con il proprio figlio tutti i giorni ed essere la principale persona che se ne prende cura. Anche solo "esserci" e controllare come e con chi tuo figlio passa il tempo.

  • Non perdersi età e fasi importanti dello sviluppo.

  • Essere la prima a decidere come organizzare la giornata di tuo figlio.

  • Poter mantenere meglio il controllo sulla gestione generale della casa: stare fuori casa per gran parte della giornata pesa su tutti gli aspetti della vita.

  • Molte donne sentono che, come mamme casalinghe, realizzano il loro scopo primario nella vita.

  • Essere abbastanza organizzate per uscire ogni giorno alla stessa ora e avere l'energia per affrontare un'intera giornata di lavoro può richiedere grande sforzo. Il più delle volte sono le madri ad organizzare la famiglia.

Gli svantaggi di essere una mamma casalinga

  • Per le donne che stanno seguendo un percorso di carriera, il tempo trascorso fuori dal mondo del lavoro può avere un impatto sulle future opportunità professionali.

  • Alcune donne trovano che stare a casa sia noioso e si sentono più stimolate quando sono occupate.

  • La realtà è che alcune madri non si sentono soddisfatte stando a casa a occuparsi dei bambini piccoli. Non è questione di voler bene o meno ai figli: semplicemente non si sentono stimolate o felici nello stare a casa a tempo pieno.

  • Per molte donne è importante poter contribuire economicamente al reddito della famiglia. Questo aspetto può essere intrinsecamente legato al loro senso di autonomia e identità.

  • Poca possibilità di “staccare” dalle continue richieste della genitorialità. La pausa pranzo e la pausa caffè, i viaggi, le relazioni e la conversazione con i colleghi sono apprezzati da molte donne.

  • Necessità di dipendere da un partner o da sussidi pubblici per le entrate finanziarie.

Problemi comuni tra le mamme che vivono in casa

  • La solitudine. Gli esseri umani, e in particolare le madri, sono creature sociali. È essenziale non isolarsi dalla conversazione, dalla compagnia e dall'amicizia di altre donne. Non sentire la necessità di interrompere i rapporti con gli amici che non hanno ancora figli. Riconoscere che il vero sostegno emotivo verrà dalle amiche che stanno vivendo esperienze di vita simili.

  • Mancanza di stimoli intellettuali. Per quanto deliziosi, i bambini piccoli non sono pensati per stimolare la materia grigia. Occorre cercare di dedicare ogni giorno un po' di tempo alla lettura, all'ascolto della radio e al dialogo con la famiglia e gli amici. Se non hai il tempo di leggere il giornale, consulta i titoli on-line, scarica alcune stimolanti App e rimani connessa. Procurati un hobby che ti terrà la mente occupata e ti aiuterà a sentire di aver creato qualcosa che non sia collegato ai bambini.

  • La noia. Seguire la stessa routine giorno dopo giorno può diventare molto noioso. Cerca di avere qualcosa di diverso da fare ogni due o tre giorni: fai qualcosa di interessante. Vai a fare una passeggiata, visita la biblioteca locale, unisciti a un gruppo di gioco o a un gruppo di neo-mamme. Anche andare a fare shopping può servire a uno scopo utile, purché sia tenuto sotto controllo.

  • Sentirsi sottovalutate e un po' invisibili. Purtroppo, nella nostra società la maternità non è apprezzata come dovrebbe essere. Come se tirare su la nuova generazione non bastasse, cerca anche di mantenere il senso dell'importanza di ciò che stai facendo.

  • Sentire il bisogno di giustificare agli altri la decisione di essere una mamma casalinga. Evitata di sentirti in dovere di dare spiegazioni. Non deve interessare a nessuno, purché tu, il tuo bambino e il tuo partner siate soddisfatti della tua decisione. Allo stesso modo, cerca di rispettare le scelte che hanno fatto le altre madri in merito alla loro organizzazione del lavoro.

  • Mettersi in fondo alla lista delle persone che contano in famiglia. Valorizzare sé stesse come persone è essenziale e crea un buon modello di ruolo per i tuoi figli. Anche se quello che fai potrebbe non essere così scontato come in un posto di lavoro, non è però meno importante. Sii il miglior avvocato di te stessa e sii orgogliosa del lavoro che stai svolgendo.

  • Sentirsi intrappolate in casa e sviluppare un senso di claustrofobia. L'unica soluzione è avventurarsi all'esterno. Per quanto possa sembrare difficile, uscire di casa è sempre utile. Evita di darti delle regole su quanti lavori domestici devi svolgere prima di "permetterti" di uscire. La tendenza è infatti quella di aumentare sempre, ad es. "Faccio solo un’altra macchinata"... "Pulisco solo la cucina", e poi, prima che te ne accorga, la giornata è finita.

  • Non recarsi mai molto lontano da casa. Questo può essere un vero problema per le madri che prima godevano di libertà e della mobilità. Se ti senti intrappolata, fai un weekend in auto fuori dalla tua zona e cerca di fare qualcosa di diverso.

  • Non avere mai la sensazione di aver concluso qualcosa. Cerca di concludere almeno una cosa al giorno, che renda la giornata diversa dalle altre. Tutti si sentono meglio quando realizzano qualcosa, anche se piccola. Pianifica gli eventi, annotali su un calendario, scriviti un promemoria, programma il tuo cellulare in modo che ti mandi un promemoria e non rinviare. Ti sentirai meglio.

  • Sentirsi a disagio per il proprio aspetto. Pur con tutti i suoi svantaggi, il fatto di doversi alzare e vestirsi ogni giorno in modo adeguato per andare al lavoro, ha i suoi vantaggi. Se fai fatica a toglierti il pigiama ogni mattina, chiedi al tuo partner di aspettare ad andare al lavoro fino a quando non ti sarai fatta la doccia e ti sarai vestita per la giornata. Se hai un aspetto migliore, ti sentirai meglio: semplice ma vero.

  • Non trovare il tempo per fare esercizio fisico regolarmente senza i bambini. Valuta la possibilità di partecipare a un gruppo di mamme per sostenervi a vicenda in sessioni di fitness regolari. Corsi di formazione personale condivisi, creare un gruppo per andare a camminare o nuotare e badare ai figli a vicenda, sono tutte soluzioni realistiche per superare gli ostacoli comuni.

  • Non riuscire a passare del tempo insieme come coppia. Questa è una realtà della genitorialità nei primi anni, soprattutto quando, se sei una mamma casalinga, trascorri a casa la maggior parte del tempo. A meno che non abbia una babysitter volenterosa e capace, disponibile regolarmente, allora dovrete essere fantasiosi per trovare un po' di "tempo per voi". Fissare una data e un'ora sul calendario e ricavare un po' di tempo “per adulti”. Ricordati, la cosa migliore che potete fare per i vostri figli è creare una famiglia affettuosa e felice, e per fare questo serve anche curare i vostri rapporti.

  • Non sentirti mai come se avessi avuto una pausa. Pur con tutti i suoi vantaggi, essere una mamma casalinga può farti sentire come se non avessi mai del tempo libero. Quando il partner torna a casa dal lavoro, solitamente interpreta quel momento come tempo di riposo e di relax. Ma per le mamme non c'è un momento in cui finiscono chiaramente di lavorare: ti sentirai disponibile 24 ore su 24. Concorda con il tuo partner una giusta ripartizione del tempo per "te" quando è a casa, altrimenti potresti sentirti un po’ indispettita.

Cercare un compromesso

Alcune madri, pur avendo pianificato di essere una mamma casalinga, sentono la necessità di tornare al lavoro. Alcuni dei motivi comuni alla base di questa scelta sono la mancanza di un reddito adeguato, la volontà di seguire un percorso di carriera o semplicemente la necessità di tornare al lavoro per avere stimoli mentali. Ma non dare per scontato di dover tornare a lavorare a tempo pieno solo perché è quello che hai sempre fatto.

Alternative realistiche all'occupazione a tempo pieno

  • Lavoro part-time o job sharing con un altro genitore. Fai qualche domanda e chiedi in giro. Parla con il sindacato e con l’ufficio delle risorse umane e cerca di capire quali sono i tuoi diritti.

  • Madri in telelavoro. Molte donne avviano un’attività in proprio in questo modo.

  • Fare un altro lavoro per un po' di tempo fino a quando tuo figlio non sarà più grande. Per il bene della famiglia, potrebbe essere necessario qualche compromesso su quello che vuoi fare.

  • Valuta la possibilità di condividere la cura di tuo figlio con il tuo partner in modo da lavorare entrambi part-time.

Siti interessanti da visitare per le mamme casalinghe:

Circle of Moms - Mamme casalinghe in Sudafrica

Moms Matter - Gruppi di supporto per le neo-mamme

Rainbowkids - Gruppi di mamme e di gioco

EmptyView