Nascita del bambino + Dopo la nascita + depressione post parto Nascita del bambino + Dopo la nascita + depressione post parto
Neonato

Trattamento della depressione post-parto

Trattamento della depressione post-natale

Quali sono le cause più comuni di infelicità e depressione nelle mamme?

  • Essere sopraffatte dalla responsabilità di essere madre e di avere un bambino di cui prendersi cura

  • Un marito che spesso non è disponibile ad aiutare, lasciandole emotivamente turbate

  • Un intervento medico non necessario e/o indesiderato come l'induzione o il forcipe durante il travaglio o l'allattamento artificiale dopo il parto

  • Imparare ad allattare al seno, che sembra essere un problema piuttosto che un processo di apprendimento

  • Una serie di commenti negativi da parte del personale ospedaliero, dei professionisti sanitari, della famiglia, degli amici e degli estranei (questi commenti possono riguardare il bambino, il modo in cui viene gestito, lo stile genitoriale, lo stato della casa, le decisioni prese, come rimanere a casa o andare al lavoro, allattare al seno o artificialmente, controllare il pianto/addormentare cullando, calmando o allattando ecc.)

  • La sensazione di non essere del tutto se stesse

  • Sentirsi incredibilmente stanche ed esauste

  • Pensare che dovrebbe essere tutto diverso, che gli altri stanno affrontando la situazione e che c'è qualcosa di sbagliato in te perché non hai capito tutto.

Alcuni segnali per capire se si è a rischio di depressione o se si soffre di depressione:

  • La depressione è una delle tante emozioni vissute dalle mamme normali e sane.

  • Essere madre è straordinariamente travolgente, soprattutto se si considera la mancanza di riconoscimento da parte degli altri per le nostre esperienze, e anche che la nostra società spesso non tiene in grande considerazione le madri o le famiglie.

  • È probabile che le madri provino ogni genere di emozione, compresa la frustrazione, la rabbia, il risentimento, l'ansia, il senso di colpa e la preoccupazione, l'impotenza, la disperazione e i sentimenti di depressione o tristezza.

  • Tutte queste sensazioni sono legittime.

Se sentite che una di queste emozioni sta avendo la meglio su di voi o non è normale per voi, allora potete chiedere aiuto.

Ecco alcuni suggerimenti per affrontare le situazioni quotidiane:

  • Dormire un po' - è una cosa che si impara solo quando si è davvero toccato il fondo, tuttavia è molto più proattivo e sensato dormire bene durante la notte - andare a letto prima se si è svegli per le poppate notturne o perché i bambini di notte sono irrequieti; fare un pisolino di 30 minuti durante il giorno - trovare un posto caldo e soleggiato in casa, rannicchiarsi e fare un sonnellino mentre i bambini dormono o riposano.

  • Potete provare a discutere di come vi sentite con la vostra famiglia o con gli amici più stretti, o con professionisti che vi ascolterebbero senza giudicarvi.

  • Chiedete ad amici e familiari di condividere con voi le loro esperienze di maternità.

  • Identificate i vostri sentimenti durante il giorno. Fateli calmare come fareste con un bambino piccolo che è sconvolto. Non metteteli a tacere, non ignorateli - anche se questo non è consigliabile, spesso è quello che si fa nella nostra società.

  • Scegliete come volete sentirvi. Immaginatelo vividamente e fate uno sforzo consapevole al 100% per sentirvi così. Assicuratevi che ogni sensazione di stress sia stata calmata e non venga repressa, ignorata o non accolta.

  • Accettate che è normale e prevedibile che vi sentiate così. Controllate i vostri commenti interiori, ad esempio:

  • "Odio sentirmi così - non è normale"

  • "Le altre mamme normali non sono così"

  • "Perché mi sento così - cosa c'è di sbagliato in me?

  • "I miei figli meritano una mamma migliore"

  • È molto meglio accettare di avere questi pensieri e sentimenti, e accettare che sono parte della vostra personalità insieme a tutte le altre qualità positive e ai sentimenti e pensieri che avete. Ognuno di noi ha molte qualità positive e alcune indesiderabili.

  • Se “fallite” nella vostra mente, ricominciate da capo. Osservate la vita come una serie di blocchi di 5 minuti. Un problema in un blocco di 5 minuti può essere affrontato, o "lasciato cadere, perdonato e dimenticato", in modo che non si trascini nel blocco di 5 minuti successivo. Questo sarà più facile se riuscite a calmarvi piuttosto che perdere il controllo delle vostre emozioni.

  • Essere mamma non sempre viene naturale, anche se è naturale amare, curare e proteggere i propri figli. Possiamo, tuttavia, creare il modo in cui vogliamo reagire ed essere madri.

  • Concentratevi su come vorreste ricordarvi tra 50 anni.

  • Osservate le vostre emozioni come se aveste una manopola per abbassare un po' il volume.

  • Se vi sentite depresse, calmatevi e concentratevi su ciò in cui siete brave. Resistete all'impulso di tornare istantaneamente ai pensieri negativi. Notate l'impulso e allenatevi a scegliere di concentrarvi sul positivo. Ci vorrà circa un mese di pratica ogni giorno!

  • Se vi sentite ansiose o preoccupate, scrivete le cose su una lista, abbassate il volume e sentite che potete superare questa situazione. Concentratevi su una mansione che richiede molta energia come preparare la cena, andare a piedi al parco o riordinare casa. Se vi sentite frustrate o arrabbiate, concentratevi sul fatto che solo voi potete cambiare il sentimento di rabbia, non è un bene per voi, rimanere arrabbiate vi fa arrabbiare di più perché è un circolo vizioso. Cercate di concentrarvi sull'evento che pensi vi abbia fatto scaturire la rabbia.

Ecco alcuni consigli per aiutarti a mantenere un rapporto sereno con i figli:

  • Concentrati su almeno cinque esperienze positive per ogni aspetto negativo. Anche se non è semplice, poniti questo obiettivo e impegnati a raggiungerlo.

  • Pensa a tutti gli aspetti positivi del rapporto madre-figlio.

  • Gioca con i tuoi bimbi concentrando tutta la tua attenzione su di loro, senza preoccuparti dei piatti o della cena. Trasformati anche tu in un bambino per almeno cinque minuti.

  • Osserva con attenzione i tuoi piccolo per creare dei ricordi preziosi.

  • Cerca di metterti nei loro panni. Stanno facendo i capricci? Non ti ubbidiscono? Spesso si tratta di una percezione dovuta al fatto che i nostri figli non si stanno comportando come desideriamo. Chi ha stabilito che siamo noi ad avere ragione? In ogni caso, spetta ai genitori prendere delle decisioni. Invece di sgridare la prole per aver rovesciato il succo di frutta, ad esempio, perché non provi a calmarti e a riflettere sul modo migliore per gestire la situazione? Scoprirai che ci sono tante opzioni: puoi pulire da sola o chiedere ai bambini di aiutarti, oppure sostituire il normale bicchiere con uno antigoccia.

  • Pensa a due semplici attività quotidiane legate alla famiglia che ti fanno stare bene, ad esempio osservare i bambini mentre afferrano con le manine la forchetta durante la cena, oppure giocare con loro a nascondino.

  • Ricorda che i bambini possono essere tremendamente irritanti o adorabili, ma la giornata prima o poi volge al termine, in qualsiasi situazione. Anche se siamo naturalmente predisposti all’agitazione o allo stress, possiamo svolgere le attività quotidiane con maggiore felicità e soddisfazione, e meno urla, se smettiamo di dare retta al chiacchiericcio mentale e teniamo a freno le emozioni più estreme. Vuoi preparare la colazione come un automa, oppure prenderti cura della tua famiglia in un’atmosfera di serenità? Spetta a noi decidere il nostro stato d’animo.

  • Spesso, sono le piccole cose a dare senso alla vita. Tutto il resto è la ciliegina sulla torta. Dobbiamo attingere alla saggezza di queste parole e imparare dalle nostre esperienze.

EmptyView