Nascita del bambino + Dopo la nascita + cura del perineo Nascita del bambino + Dopo la nascita + cura del perineo
Neonato

Cura del perineo

Cura del perineo

Il perineo è la zona che si trova tra l’apertura vaginale e l’ano. Molte donne scoprono il perineo soltanto in gravidanza, quando cominciano a informarsi sul parto. Successivamente diventa argomento di molte discussioni e preoccupazioni.

Durante il parto, mentre la testa del bambino scende ulteriormente verso l'apertura vaginale, il perineo inizia a distendersi e a diventare più sottile. Nella maggior parte delle donne questo allungamento è sufficiente per permettere alla testa del loro bambino di emergere e al corpo di seguire.

La lunghezza del perineo varia da donna a donna e questo può avere un impatto sulle possibilità di lacerazione o sulla necessità di un'episiotomia. Gli esercizi di stretching perineale, se eseguiti durante la gravidanza, possono aiutare ad aumentare la capacità di allungamento del perineo durante il travaglio. Ciò riduce la probabilità di una lacerazione perineale o la necessità di un'episiotomia.

Cos'è un'episiotomia?

L'episiotomia è un taglio chirurgico praticato nel perineo dall'ostetrica per allargare l'apertura vaginale. Quando la testa del bambino preme talmente contro il perineo che c'è il rischio che si laceri in modo incontrollato, a volte viene praticato un taglio di circa 2-4 cm di lunghezza. Prima dell'episiotomia viene iniettato nel perineo un anestetico locale, a meno che la donna non abbia subito un'epidurale, nel qual caso potrebbe non essere necessario un ulteriore intorpidimento dell'area.

Ci sono molte polemiche su quanto sia appropriato per gli operatori sanitari effettuare un'episiotomia. Alcuni la considerano una forma di abuso e raramente necessaria.

In caso di episiotomia sono necessari punti o suture. Questi aiutano a guarire e a riunire in modo corretto i bordi della pelle. Alcune donne subiscono una lacerazione del perineo durante il parto, che può anche richiedere l'applicazione di punti di sutura.

In generale, i criteri per cucire una lacerazione perineale sono i seguenti:

  • Se la lacerazione è frastagliata e i bordi della pelle non si incastrano bene

  • Se sono stati coinvolti gli strati muscolari all'interno del perineo

  • Se la lacerazione sanguina molto - i punti aiutano ad arrestare il sanguinamento e a massimizzare le possibilità di una rapida guarigione

Categorie di lacerazione perineale

  • Una lacerazione di primo grado comporta una lesione della pelle

  • Una lacerazione di secondo grado coinvolge i muscoli del perineo

  • Una lacerazione di terzo grado si estende lungo il perineo e nell'ano

  • Una lacerazione di quarto grado coinvolge il perineo e l'ano, nonché il tessuto intestinale

L'ostetrica può suturare un'episiotomia o una lacerazione perineale. Di solito viene somministrato un anestetico locale che intorpidisce la zona. Il protossido d'azoto è un'altra opzione per alleviare il dolore, ove disponibile. Nella maggioranza dei casi si usa materiale di sutura dissolvibile. Ciò significa che i punti non devono essere tolti, e cominceranno a dissolversi a partire da circa una settimana dopo il parto. A volte sono visibili quando si staccano sulla carta igienica, nella doccia o su un assorbente. Molto raramente, se non si sciolgono, i punti di sutura devono essere rimossi da un operatore sanitario.

È comune provare una sensazione di trazione o di tensione nella zona in cui sono stati inseriti i punti di sutura. Questa sensazione può peggiorare in presenza di gonfiore localizzato. Entro pochi giorni questa sensazione dovrebbe attenuarsi, ma se così non fosse, è importante dirlo all'ostetrica o al ginecologo. Occasionalmente, una sutura stretta fa sì che l'apertura vaginale diventi troppo piccola, il che si ripercuote sulla normale attività sessuale.

Spesso si lasciano guarire da sole le lacerazioni vaginali o perineali più piccole. Esistono numerose ricerche sul tempo di guarigione delle lacerazioni suturate rispetto a quelle che guariscono spontaneamente. Analogamente, sono stati messi a confronto i livelli di dolore nelle donne durante il periodo post-natale, all'interno di questi due gruppi. Sembra che le donne che hanno punti di sutura provino un po' più dolore rispetto a quelle che guariscono senza sutura.

Anche in questo caso, le differenze soggettive, i tassi di guarigione, le soglie del dolore e il tipo di parto hanno un ruolo importante.

Quando si effettua un'episiotomia?

  • A volte l'episiotomia viene eseguita quando il bambino è in sofferenza ed è importante che nasca rapidamente.

  • Durante l’espulsione con l’aiuto di un forcipe o uno strumento

  • Quando il bambino è prematuro o nel caso di un parto plurimo

  • Quando il bambino è in posizione podalica

  • Quando la testa del bambino è molto grande e non c'è stato tempo affinché il perineo si allungasse a sufficienza per lasciarla passare

Dopo il parto

Dopo il parto, molte donne provano dolore e hanno gonfiore e una sensazione di intorpidimento intorno alla zona perineale. Idealmente, il perineo rimane intatto durante il parto, si allunga come deve, permettendo l’espulsione della testa e del corpo del bambino.

Quando il dolore perineale è normale?

  • È comune avere un po' di gonfiore e una sensazione di tenerezza nella zona perineale dopo il parto.

  • Un'episiotomia o una lacerazione con punti di sutura può creare un grande disagio, soprattutto nei primi giorni dopo il parto.

  • Il passaggio dell'urina può essere molto doloroso e causare una sensazione di pizzicore.

  • Il dolore perineale tende a raggiungere il suo picco il secondo giorno dopo il parto, anche se di solito migliora nel giro di una settimana.

  • Anche se non ci sono segni visibili di trauma al perineo, piccole escoriazioni possono causare pizzicore fino a quando non sono guarite.

  • Possono essere necessarie 4-6 settimane perché il perineo guarisca completamente.

La guarigione perineale - cosa può aiutare?

  • Il ghiaccio applicato sul perineo aiuta a ridurre il gonfiore. Idealmente viene utilizzato nelle prime 24-72 ore, a seconda di come ci si sente. Può essere molto efficace un panetto di ghiaccio coperto oppure un guanto usa e getta riempito con acqua e congelato. In alternativa, può essere utile il ghiaccio tritato in un piccolo sacchetto di plastica, coperto da un fazzoletto bagnato.

  • L'igiene è estremamente importante e contribuisce a ridurre il rischio di infezione. Fare la doccia almeno due volte al giorno, lavare la zona perineale con sapone o detergente per il corpo delicato, tamponare con un asciugamano pulito e morbido o un panno di carta usa e getta aiuterà la guarigione.

  • Quando si defeca, sostenere il perineo e i punti tenendo un assorbente sanitario sopra l'area perineale.

  • Alcuni fisioterapisti utilizzano la terapia a ultrasuoni sul perineo che aiuta a ridurre il gonfiore e il dolore. Questo avviene generalmente 24-36 ore dopo il parto.

  • È importante pulirsi bene dopo aver svuotato la vescica o l'intestino. Fate molta attenzione a pulire dal davanti verso il retro. Dopo una defecazione si raccomanda di utilizzare un bidet.

  • Non risparmiare su forme più economiche di carta igienica. Puntate alla comodità rispetto al costo, anche se dovete mettere in quarantena le vostre scorte dal resto della famiglia!

  • Mantenere la zona perineale il più possibile asciutta e pulita. Evitare l'uso di talco o di lavaggi o lozioni molto profumati.

  • Cambiare spesso gli assorbenti igienici e smaltirli correttamente. Il lavaggio delle mani è importante per ridurre al minimo il rischio di infezione.

  • Riposate quando possibile. Stare in piedi per lunghi periodi può portare a gonfiore e ad un aumento del dolore e del disagio. Allo stesso modo, sedersi in una posizione può portare alla congestione del sangue nella zona vulvare. Quando vi sdraiate, provate a sdraiarvi alternativamente su ogni lato e ad appoggiare la parte superiore della gamba su un cuscino.

  • Prevenite la costipazione. Bevete molta acqua ogni giorno, almeno 8 bicchieri al giorno o più in caso di allattamento al seno; e seguite una dieta ad alto contenuto di fibre che includa frutta, verdura e proteine che aiuteranno la guarigione dei tessuti. Lo sforzo per svuotare l'intestino può causare lo strappo delle linee di sutura e un ulteriore gonfiore. Prendetevi il vostro tempo quando andate in bagno ed evitate di correre.

  • Alzarsi dal letto da un fianco, piuttosto che da una posizione seduta. Questo aiuta ad evitare lo stiramento dell'area perineale.

  • Eseguire gli esercizi per il pavimento pelvico il prima possibile dopo la nascita del bambino. Contattate il reparto di fisioterapia dell’ospedale.

  • Se sentite bruciore quando urinate, provate a stare in piedi sotto una doccia calda o a versare acqua calda sulla regione vulvare mentre fate pipì. Può essere utile una bottiglia di plastica riempita con acqua calda.

  • Evitate di riprendere i rapporti sessuali finché non vi sentirete a vostro agio e il vostro perineo non sarà guarito. Molte donne riferiscono che ci vogliono almeno 6 settimane perché la loro zona vaginale e perineale smetta di sentire un certo grado di sensibilità.

Potrebbe essere necessario assumere antidolorifici nella prima settimana dopo il parto. Chiedete un consiglio all’ostetrica su ciò che è giusto per voi. Tenete presente che molti farmaci sono escreti nel latte materno, quindi fate attenzione al tipo, alla dose e alla frequenza di quello che assumete.

Cosa impedisce la guarigione del perineo?

  • Bagni di sale o lunghi periodi in ammollo in bagni caldi

  • Sedersi su un anello circolare d'aria o di gomma

  • Riprendere il rapporto sessuale prima che il perineo abbia avuto la possibilità di guarire completamente

  • Heat packs

  • Antibiotici - a meno che non sia presente un'infezione

  • Sollevare o sforzare, quindi evitate di sollevare carichi pesanti, bambini piccoli, bambini più grandi o spostare mobili

  • L'esercizio fisico vigoroso, l'accovacciamento o qualsiasi movimento in cui le gambe sono a cavallo, la zona perineale ha bisogno di allungarsi per guarire

  • Utilizzo di assorbenti interni

  • Risparmiare sul numero di assorbenti sanitari che si utilizzano; è importante cercare di mantenere la zona perineale pulita e asciutta, quindi sostituire gli assorbenti ogni 2-3 ore o più regolarmente se sono inzuppati

A cosa devo prestare attenzione?

  • Espulsione di grossi coaguli di sangue - dopo essere state sedute o sdraiate per un lungo periodo di tempo, può essere normale espellere i coaguli di sangue, ma se sono molti e continui o sei preoccupata, rivolgiti al tuo medico

  • Dolori nella zona perineale che non attenuano: palpitazioni, dolori, fitte addominali o disagio continuo che non migliora richiedono il controllo da parte di un medico

  • Perdite vaginali brutte o di cattivo odore

  • Se si avverte un dolore continuo, una sensazione di pizzicore o bruciore durante la minzione, questo può essere il segno di un'infezione delle vie urinarie

  • Una sensazione di trazione sul perineo, che rende difficile il movimento e la camminata

  • Avere una temperatura elevata o la sensazione di avere un'infezione (un range di temperatura normale è fino a 37,3 °C)

Fissate un appuntamento con la vostra ostetrica, il ginecologo o il medico di famiglia 6 settimane dopo la nascita del vostro bambino. Verificheranno se la vostra area perineale è guarita. Se, nel frattempo, siete preoccupate per qualsiasi aspetto della vostra guarigione, non esitate a farvi controllare.

EmptyView