Nascita del bambino + Travaglio + come alleviare il dolore Nascita del bambino + Travaglio + come alleviare il dolore
Neonato

Come alleviare il dolore

Come alleviare il dolore

I dolori del travaglio sono inevitabili. Ma spesso vengono descritti come dolori “buoni” - come quello che si prova a correre una maratona o scalare una montagna. Anche quello è un dolore gestibile.

Tuttavia puoi scegliere di avvalerti della tecnologia medica - e assumere dei farmaci - o ricorrere a tecniche alternative per il controllo del dolore.

La decisione su come nascerà il vostro bambino in fin dei conti è una vostra scelta; mentre è importante ascoltare i consigli del medico che sta assistendo il parto, alla fine sta a voi decidere se opterete per un parto medicalmente assistito o naturale.

La maggior parte delle donne in gravidanza ammette di essere un po' ansiosa per il parto. Come per ogni grande paura, ammettere di essere preoccupate e cercare di specificare di cosa esattamente avete paura vi aiuterà ad affrontare le vostre paure.

E se invece l’idea di partorire un bambino facendo passare la sua testolina grande come una piccola zucca da lì sotto dopo ore di contrazioni dolorose non vi spaventa nemmeno un po’, allora forse siete in preda al diniego!

(Può essere d'aiuto ricordare che quasi tutti i 6 miliardi di esseri umani attualmente sul pianeta sono arrivati qui in questo modo, perciò non deve poi essere così male).

Informatevi il più possibile sulle vostre opzioni prima di prendere una decisione sul vostro approccio al parto. Nessun altro può fare questa scelta per voi.

È importante discutere e prepararsi per il metodo antidolorifico prescelto, con largo anticipo rispetto al momento in cui entrerete in travaglio.

Respirazione e posizione durante il travaglio e il parto

I dolori del travaglio si manifestano a ondate e la vostra capacità di gestire il dolore dipende di solito dalla capacità di entrare nel ritmo del vostro corpo e "cavalcare" le onde del dolore regolando la respirazione e la posizione del corpo durante le contrazioni.

Sembra tutto molto "New Age", ma è sorprendentemente istintivo ed efficace - e la maggior parte delle ostetriche, dei medici e persino degli ostetrici sono molto abituati a donne che partoriscono in questo modo. Dopotutto, lo facciamo dalla nascita dell'umanità.

Durante la maggior parte degli incontri di preparazione al parto si fa una dimostrazione della respirazione profonda e addominale che si usa in travaglio. Se riuscite a trovare un buon corso di yoga specifico per la gravidanza, avrete tutto il tempo per praticare le tecniche di respirazione e di stretching che potranno essere d’aiuto durante la gravidanza e anche durante il travaglio.

Muovere il corpo attraverso una serie di posizioni per aiutarvi ad affrontare ogni contrazione può essere un modo efficace per gestire il dolore.

Sdraiarsi in posizione supina durante il travaglio è forse la posizione più dolorosa che si possa adottare. Camminare, assumere posizioni che tolgono il peso dalla schiena e stare in piedi in modo da usare la gravità per aiutare il bambino a scendere attraverso il bacino, sono tutti metodi ben documentati come efficaci nel velocizzare l'avanzamento del travaglio e la gestione del dolore.

Le posizioni erette che sostengono completamente la donna in travaglio possono comportare la necessità di appoggiarsi al partner o di ricevere altro supporto fisico dal partner, cuscini, pouf o altri mobili – possono essere utili anche i palloni gonfiabili per il fitness.

Il dondolio pelvico, le ginocchia piegate, l'accucciarsi o l'inginocchiarsi a quattro zampe, possono essere utili tecniche di gestione del dolore.

Massaggio durante il travaglio

Nella maggior parte delle donne in travaglio, il dolore delle contrazioni in tutto l'addome è accompagnato da dolori lombari. Un massaggio delicato, magari con qualche olio da massaggio non profumato, può dare molto sollievo in questo momento.

Impacchi caldi durante il travaglio

Un asciugamano imbevuto di acqua molto calda e poi strizzato può essere utilizzato come impacco caldo per dare estremo sollievo dal dolore sia per la pancia che per la zona lombare della schiena (o entrambe). Sono efficaci anche i sacchetti di fagioli (sacchetti di tessuto riempiti di granelli/fagioli e riscaldati in un forno a microonde) o i gel-pack riscaldati.

Docce calde durante il travaglio

Una doccia molto calda, con il getto d'acqua diretto sulla zona lombare della schiena, può portare sollievo durante le contrazioni. Far nascere un bambino è un'attività disordinata, spesso si perde liquido amniotico ovunque e si suda, perciò spesso si ha una sensazione generale di benessere dopo aver passato un po' di tempo sotto la doccia. Nella maggior parte delle sale travaglio degli ospedali, è possibile dotare la doccia di una sedia con un cuscino di plastica ai quali appoggiarsi per un po’ di tempo.

Vasche/piscine per il parto

Molte donne che scelgono il parto in casa noleggiano una piccola piscina portatile o una grande vasca profonda che può essere riempita con acqua calda; molte sale parto e la maggior parte dei centri di nascita sono dotati di grosse vasche. Se vi siete divertite a nuotare nell'ultimo periodo della gravidanza, saprete quanto sia magico trascinare il vostro enorme corpo ingombrante in una massa d'acqua e perdere improvvisamente ogni peso. Può essere molto più facile gestire le contrazioni in acqua calda e spesso si ottiene un po' di sollievo dal mal di schiena. Parlate con la vostra assistente se state pensando di far nascere il vostro bambino in acqua; può essere un'opzione meravigliosa per il parto se l’assistente si sente a proprio agio e non ci sono complicazioni nel corso della gravidanza.

Visualizzazione per controllare il dolore del travaglio

L'uso della visualizzazione e del self-talk può essere un modo molto efficace per aiutare a gestire i dolori del travaglio. Se avete frequentato corsi di yoga o altre lezioni di meditazione durante la gravidanza, probabilmente siete state portate a fare dei viaggi di visualizzazione. Alcuni esempi di immagini che le donne usano sono: immaginare le contrazioni come onde dell'oceano che, crescendo, ti portano più vicino a una dolce riva dove incontrerai il tuo bambino; o immaginare il tuo corpo come il bocciolo di un fiore che si apre lentamente. Visualizzazioni incoraggianti e focalizzate sugli obiettivi possono essere molto utili per il travaglio.

L'ipnosi come antidolorifico

Esiste una grande offerta di corsi per donne in gravidanza "hypnobirthing"; si tratta di un programma di rilassamento profondo, visualizzazione e autoipnosi che insegna alle donne a sostituire i concetti di travaglio lungo e doloroso con le aspettative di un parto tranquillo, rilassato e confortevole. Chi insegna la tecnica dell’ hypnobirthing crede che il dolore del parto sia causato in gran parte dalla paura, la quale sprigiona ormoni che costringono i muscoli del parto e, insegnando tecniche di rilassamento profondo, le donne producono più endorfine (ormoni naturali dello “star bene” che alleviano il dolore) e quindi hanno un parto più breve e molto meno doloroso.

Ipnosi, agopuntura, agopressione, aromaterapia, TENS

Numerosi professionisti qualificati nelle terapie alternative offrono trattamenti per aiutare una donna in travaglio; questi possono ridurre efficacemente il dolore e aumentare i livelli di comfort. Se avete in mente una terapia alternativa, cercate di trovare qualcuno con esperienza, con referenze credibili, che lavori con il vostro ginecologo di fiducia.

Attenzione però alle truffe; se da un lato ci sono alcune eccellenti terapie alternative disponibili, dall'altro ci sono anche opportunisti che riconoscono e approfittano del fatto che le donne incinte sono molto vulnerabili.

Farmaci per il travaglio e il parto

Gas

Alcuni ospedali offrono "gas" o "gas e aria" per aiutare ad alleviare il dolore. Dovrete indossare una maschera di respirazione che eroga una miscela 50/50 di protossido d'azoto e ossigeno. Alcune donne dicono che è molto utile, altre lo odiano perché le fa sentire stordite e nauseate. Non ci sono effetti collaterali per il bambino, quindi il gas viene proposto anche nei centri di nascita e a volte dai professionisti del parto a domicilio.

Petidina / Demerol

Un altro farmaco antidolorifico è la petidina (o farmaci simili derivati dall'oppio). Viene somministrato sotto forma di iniezione intramuscolare. Mentre alcune donne rifeeriscono un incredibile sollievo dalla petidina, altre dicono di sentirsi nauseate o di perdere la concentrazione e di sentirsi "sballate" e sconnesse.

L’uso di oppiacei in travaglio, però, è controverso, nonostante esista da decenni. I farmaci oppiacei somministrati durante il travaglio attraversano la placenta e vengono assorbiti dal bambino. In alcuni casi possono avere gravi effetti collaterali sul bambino - come difficoltà respiratorie alla nascita e problemi nell'allattamento al seno; tuttavia è più probabile che il bambino abbia sia solo assonnato per uno o due giorni dopo il parto.

Anestesia epidurale

Si tratta dell’antidolorifico per il travaglio per eccellenza, secondo molte donne che sono state sottoposte a un'epidurale; si passa da contrazioni dolorose ad essere intorpidite dalla vita in giù. Ho sentito più di una madre riferire di essere stata seduta comodamente a letto con una tazza di tè e un cruciverba nell’ultima fase del travaglio, grazie all'epidurale.

La tempistica è fondamentale; le epidurali funzionano meglio se somministrate a circa cinque centimetri di dilatazione, quando le contrazioni diventano molto forti. Se si arriva a circa otto centimetri senza, la maggior parte dei medici la sconsiglia, perché l’effetto non svanirebbe in tempo per le spinte.

L’anestetico viene iniettato vicino alla colonna vertebrale e si lascia un catetere per consentire una dose successiva. Spesso non si avverte alcuna sensazione nella parte inferiore del corpo, anche se molti anestesisti oggi somministrano una dose che permette un certo movimento delle gambe.

In rare occasioni, le donne hanno riferito che l'anestetico ha funzionato solo in metà del loro corpo, o che mancava una parte.

Il vantaggio (a parte il sollievo immediato dal dolore) è che questo farmaco non ha effetti sul bambino. Può essere molto efficace nel controllo dell'ipertensione arteriosa, anche se può far scendere troppo la pressione sanguigna, per questo si inserisce solitamente un catetere con dei liquidi per controllare l’effetto sulla pressione.

Di solito sarete costrette a letto e potrebbero posizionarvi un catetere per svuotare la vescica - perché non saprete quando "andare" - e questo potrà rendere la minzione un po' scomoda nei giorni successivi. Il travaglio di solito richiede più tempo, il che può essere più stressante per il bambino, quindi le contrazioni, e il bambino, saranno costantemente monitorati, con un monitor fetale elettronico probabilmente attaccato alla testa del bambino e un monitor attorno all'addome della mamma per rilevare le contrazioni.

E nel tentativo di sfuggire al dolore delle contrazioni, potrebbe diventare difficile spingere efficacemente, perciò quando si fa l’epidurale diventa più probabile un parto con il forcipe o la ventosa o persino un parto cesareo qualora il bambino sia in sofferenza. Di conseguenza, è più probabile che avere punti di sutura e traumi all'area vaginale e perineale.

Parlate con il vostro medico curante e fate quante più domande possibile, se avete intenzione di richiedere un'epidurale.

EmptyView