Nascita del bambino + Travaglio + parto + podalico Nascita del bambino + Travaglio + parto + podalico
Neonato

Parto podalico

Parto podalico

Si parla di parto podalico è quando il bambino nasce con il sedere, le gambe o le ginocchia che escono per prime, anziché la testa. Attualmente si stima che circa il 3-4 % di tutti i neonati a termine sono in posizione podalica, ma non tutti nascono con parto vaginale. Tra le 29 e le 32 settimane di gestazione, la stima è del 15% dei bambini in posizione podalica. Nel secondo trimestre è considerato normale che i neonati siano in posizione podalica. In sostanza, i rischi di un parto podalico sono strettamente correlati alle settimane di gravidanza.

All'inizio del travaglio, la maggior parte dei bambini è sdraiata su un fianco, con la testa inserita nella cavità pelvica e rivolta verso il lato destro o sinistro della madre. Nel parto podalico, la testa del bambino generalmente è posizionata appena sotto il diaframma e la gabbia toracica della madre. Sentire chiaramente una testa dura e ossea in questa regione, piuttosto che un sederino dolcemente arrotondato, è uno dei fattori chiave nella diagnosi di una posizione podalica.

Tipi di parto podalico

  • Culatta completa - il sedere del bambino si presenta per primo, le ginocchia sono piegate e le cosce estese verso l'alto. Pensate alla classica posizione fetale.

  • Culatta incompleta – il bambino ha un ginocchio flesso e un piede e le natiche sono più vicini al canale del parto.

  • Culatta franca – le natiche del bambino si presentano per prime ed entrambe le gambe sono distese verso l'alto lungo il corpo.

  • Posizione podalica - le gambe del bambino sono posizionate sotto le sue natiche. Una volta che le membrane si sono rotte, una o entrambe le gambe scendono attraverso la cervice e nella vagina.

Come faccio a sapere se il mio bambino è in posizione podalica?

Potreste non saperlo fino a quando non ve lo dirà il vostro ginecologo o la vostra ostetrica. Ci sono alcuni segni abbastanza classici che possono sollevare i sospetti di un medico. A volte, però, non è evidente che il bambino sia in posizione podalica fino all'inizio del travaglio e anche allora non è sempre chiaro.

I segni della presentazione podalica includono:

  • Vedere le natiche, le gambe o i piedi fuoriuscire per primi

  • Sentire la testa del bambino nella parte superiore del grembo materno. La testa è dura, ossea e può muoversi liberamente da un lato all'altro. Mentre le natiche sono più morbide e irregolari, non si muovono altrettanto liberamente come la testa di un bambino.

  • La madre potrebbe lamentare una sensazione di "durezza" sotto la gabbia toracica e una conseguente sensazione di disagio.

  • Se le membrane sono state rotte ed è presente uno spesso meconio; il meconio è il primo movimento intestinale del bambino e se l'ano del bambino è vicino alla vagina della madre, il meconio fresco è facile da vedere

  • Prolasso del cordone ombelicale

  • Se la presentazione podalica viene diagnosticata con gli ultrasuoni

Quali fattori aumentano la probabilità di un parto podalico?

La prematurità è di gran lunga il fattore più importante che influenza la probabilità di avere un parto podalico. Circa il 24% di tutti i neonati sono in posizione podalica a partire da 28 settimane di gestazione e nelle successive dodici settimane questa percentuale si riduce ad appena il 4%. Poiché il bambino cresce molto negli ultimi due mesi, non essendo in grado di muoversi così liberamente, una volta che la testa si posiziona “in giù” nel bacino della madre, tende a rimanere lì. Questo perché la testa del bambino è talmente pesante che tende a spostarsi in avanti e a trovare la sua comoda nicchia nel bacino della madre. Lì resta posizionata (si spera) fino a quando non è pronta per nascere.

Altri fattori includono:

  • Parto multiplo, gemellare, trigemino o quadrigemino

  • Presenza di un volume anomalo di liquido amniotico - eccessivo, detto "polidramnios" o insufficiente, detto "oligoidramnios" (entrambi possono essere indicatori di altre complicanze per la madre e/o il bambino)

  • Presenza di un problema con il bambino, cioè un'anomalia - anche quando la quantità di liquido amniotico è normale

  • La madre ha già avuto più di un bambino

  • Presenza di anomalie a carico dell'utero materno, la forma dell'utero influenza particolarmente la posizione del bambino e come si presenta alla nascita.

  • La placenta è posizionata in basso nel grembo materno, ad esempio con placenta previa

  • La madre ha un bacino molto piccolo o ha subito un trauma pelvico, ad esempio una frattura del bacino, in passato

  • La madre è stata sottoposta in precedenza a un parto cesareo

Quali scelte può fare la madre se il suo bambino è in posizione podalica?

Questo dipende davvero dalla storia individuale di ogni madre e dalla posizione del suo bambino. Se il bambino è in posizione podalica, cioè con le natiche che arrivano per prime, è più probabile una "prova di travaglio". Non ci sono però garanzie di un parto vaginale.

È comune che il bambino abbia un elettrodo posizionato sulle natichee che la madre sia collegata ad un monitor. In questo modo qualsiasi cambiamento nello stato della madre e del suo bambino viene rilevato rapidamente. Se necessario, si pianifica un parto cesareo prima che la salute di uno dei due venga compromessa.

È comune anche l’iniezione di un'epidurale per le madri che avviano una prova di travaglio. L’epidurale a interrompere l'impulso a spingere prima che la cervice sia completamente dilatata. È inoltre più probabile che vengano utilizzate le staffe, così ginecologa e ostetrica hanno un accesso più agevole e possono avere un migliore controllo del parto.

Quali sono i rischi di un parto vaginale?

  • Quando il bambino è in posizione podalica, le contrazioni uterine iniziano esattamente come quando è a testa in giù. Ma poiché la pressione di un fondo morbido o di un piede non è forte come quella di una testa ossea, il travaglio può richiedere più tempo per stabilirsi. Un travaglio e un parto podalico possono essere più estenuanti e faticosi per la madre, soprattutto nella prima fase. Nonostante le loro migliori intenzioni, alcune donne optano per il parto cesareo a causa della stanchezza e dello sfinimento.

  • Il prolasso del cordone ombelicale è più comune nei parti podalici. Questo perché le natiche/le gambe/piedi del bambino non entrano bene nel bacino della madre, a differenza della sua testa. Il cordone è scivoloso e può facilmente scivolare attraverso la cervice e uscire dalla vagina se c'è spazio sufficiente tra la parte del corpo con cui si presenta il bambino e la cervice aperta. Una volta che il cordone è esposto all'aria esterna e alla temperatura, si contrae. Il flusso di sangue contenente ossigeno e sostanze nutritive per il bambino si arresta.

  • Un altro rischio è che il cordone ombelicale possa comprimersi e che il flusso di ossigeno al bambino diminuisca. Ciò costituisce un'emergenza ostetrica e in questo caso diventa necessario un parto cesareo.

  • La testa del bambino può rimanere intrappolata. Quando il resto del loro corpo è fuori dalla vagina ma la testa non è ancora fuori, emergono grandi preoccupazioni per l'ossigenazione del bambino e per il travaglio ostruito. Nel peggiore dei casi, è necessario effettuare un parto cesareo. Questo è più probabile se la cervice della madre non si è completamente dilatata al momento del parto. Poiché la testa è la parte più grande del bambino, la cervice deve essere completamente dilatata per permetterne il passaggio.

Se il bambino guarda verso l'alto, rivolto alla parte superiore del grembo materno, la parte di presentazione è ancora più grande.

Cosa si intende per “girare” il bambino?

Il 50% dei bambini in posizione podalica dopo 34 settimane di gestazione si gira senza alcun intervento.

La decisione di fare o meno un tentativo di “versione esterna/rotazione” del bambino viene presa con molta cautela. L'ostetrica deve avere la certezza che ci siano meno rischi rispetto a quelli che si corrono se la madre viene assistita per portare avanti un parto vaginale podalico. È importante identificare l'esatta posizione del cordone ombelicale e della placenta prima di effettuare una versione esterna.

In caso contrario, la placenta può essere strappata dalla parete dell'utero o il bambino può rimanere impigliato nel cordone ombelicale. Ad alcune donne a volte viene somministrato preventivamente un farmaco che rilassa il muscolo uterino. La percentuale di successo di una versione esterna si aggira intorno al 50-70% a seconda dell'abilità del singolo professionista.

Anche se una versione esterna è efficace nel girare il bambino a testa in giù, alcuni bambini ritornano automaticamente in posizione a testa in su. Quanto prima la versione viene fatta nella gravidanza, tanto maggiore è la probabilità che ciò accada. Per questo motivo, si ritiene che il momento ideale per la manovra sia attorno alla settimana 37 di gestazione.

Vi sono alcune indicazioni secondo cui la moxibustione (bruciare delle erbe vicino alla pelle in un punto di agopuntura) possa essere utile per far i bambini i bambini che sono in posizione podalica se abbinata a ecniche di agopuntura o posturali.

Alcune donne credono che se si sdraiano in un modo particolare, fanno esercizi specifici o dormono in una determinata posizione, il loro bambino si girerà a testa in giù. Tuttavia, non ci sono prove scientifiche a sostegno di queste affermazioni. Analogamente, nemmeno le gocce omeopatiche e/o l'aromaterapia sono efficaci per modificare la posizione nella quale il bambino si presenta al mondo per la prima volta.

Quali sono i rischi per il mio bambino in caso di parto podalico?

  • Quando il travaglio è ben gestito e il bambino è monitorato, i rischi sono ridotti al minimo. L'anestesista e il pediatra devono essere immediatamente disponibili per tutti i casi di parto podalico vaginale.

  • Alcuni bambini presenteranno un livido su fianchi, glutei o gambe a causa di un parto podalico.

  • Il vostro bambino può avere genitali gonfi e a volte lividi.

  • I neonati nati in posizione podalica tendono ad allungare le gambe nella stessa posizione per alcuni giorni dopo la nascita.

  • I bambini podalici tendono ad avere la testa più arrotondata. Questo perché le loro ossa craniche non hanno avuto la stessa opportunità di modellarsi come se fossero nate a testa in giù.

  • La lussazione congenita dell'anca è più comune nei bambini nati in una presentazione podalica.

  • C'è il rischio di un trauma alla testa del bambino, soprattutto se il parto è veloce e il bambino è prematuro. Per questo motivo, molto spesso viene utilizzato il forcipe per controllare la "testa che segue". Tuttavia, non sempre il forcipe è necessario. Un'alternativa può essere l’uso delle mani da parte dell'ostetrica per controllare l’espulsione della testa del bambino.

Consigli per il parto podalico

  • Quando un bambino è in posizione podalica, l'insorgenza del travaglio può essere molto simile a quella che si verifica quando il bambino è a testa giù.

  • Si sconsiglia la rottura artificiale delle membrane.

  • Con un buon progresso nel travaglio, la probabilità di avere un parto podalico vaginale è più alta.

  • La discendenza del bambino, la sua condizione, i progressi della madre e il suo stato fisico ed emotivo influenzeranno la probabilità di un parto vaginale.

  • Molte ginecologhe e ostetriche usano un approccio "a mani nude" quando devono assistere un parto podalico. A meno che non sia veramente necessario e diventi evidente che l'intervento è necessario, il bambino non può essere toccato fino a dopo la nascita. Questo perché in genere il bambino scende, si flette, ruota ed estende istintivamente il suo corpo per poter nascere.

  • Esistono tecniche specifiche utilizzate dalle ostetriche per assistere un parto podalico. A causa dell'attuale aumento delle azioni legali, molti operatori sanitari non considerano l’idea di "permettere" alle madri in cura di avere un parto podalico vaginale. Trovare un professionista competente e disposto a sostenere una "prova di travaglio" può essere una sfida.

EmptyView