Nascita del bambino + Travaglio + placenta Nascita del bambino + Travaglio + placenta
Neonato

La terza fase del travaglio: l'espulsione della placenta

Espulsione della placenta - La terza fase

La terza e ultima fase del travaglio va dalla nascita del bambino all’espulsione della placenta e delle membrane.

Durante la terza fase, la placenta si stacca dalla parete uterina e i muscoli dell'utero iniziano a contrarsi con forza intorno ai vasi sanguigni che hanno alimentato la placenta per tutta la gravidanza per evitare di perdere sangue in eccesso.

Successivamente alla nascita del bambino, in genere vi è una pausa di circa 15-20 minuti prima che le contrazioni riprendano per espellere la placenta.

Le contrazioni continueranno per un po', ma di solito sono molto meno intense di prima (anche se al secondo parto e ai successivi possono essere più forti).

Per alcune donne, le contrazioni durante la terza fase sono ancora abbastanza forti da rendere utile l’uso di tecniche di respirazione per il travaglio per affrontare al disagio di queste contrazioni.

Vi potrebbero chiedere di spingere ancora un paio di volte per espellere la placenta. Anche in questo caso, queste spinte saranno molto meno intense rispetto a quelle del parto.

La terza fase dura di solito dai 10 ai 30 minuti, ma con la "gestione attiva", comune in molti ospedali, può essere molto più breve.

Nella gestione attiva, viene fatta un'iniezione di Syntocinon (o altro farmaco sintetico a base di ossitocina) nella spalla o nel gluteo della madre circa un minuto dopo la nascita del bambino; il cordone ombelicale viene clampato e tagliato un paio di minuti dopo, e si applica una "trazione controllata del cordone ombelicale" (la placenta estratta attraverso il cordone ombelicale).

Secondo i suoi sostenitori, la gestione attiva riduce al minimo l'emorragia postpartum e altre gravi patologie materne. Tuttavia, se il vostro ospedale o luogo di nascita non pratica la "gestione attiva" del parto, potreste scoprire che la terza fase dura molto più a lungo.

Dopo 30 minuti può essere somministrato un farmaco per favorire l’espulsione della placenta; nel parto in casa spesso viene dato più tempo. L'allattamento al seno del bambino subito dopo la nascita può aiutare a espellere la placenta più velocemente.

Come per l'intero processo del parto, l’espulsione della placenta può avere un forte significato emotivo per alcune donne; altre, invece, lo segnalano come un non-evento.

Quando la placenta viene espulsa, l'assistente sanitario la esamina attentamente per assicurarsi che sia stata interamente espulsa e che nessuna parte della placenta sia rimasta nell’utero (la placenta trattenuta può causare infezioni ed emorragie, quindi è importante fare una diagnosi rapida).

Vengono esaminati anche il cordone ombelicale e le membrane.

Potreste voler vedere la placenta che è stata il sistema di sostegno del vostro bambino negli ultimi 9 mesi; oppure potrebbe non interessarvi affatto.

La placenta alla nascita ha un valore significativo in alcune culture e per alcune persone e non è raro che qualcuno conservi a casa la placenta del proprio bambino, la seppellisca nel giardino di casa e pianti un albero sopra di essa, poiché la placenta contiene molte sostanze nutritive.

Nella prima ora dall’espulsione della placenta, l’assistente al parto di solito esegue controlli ad intervalli regolari, ripetuti successivamente per 24 ore e poi di nuovo nelle 6 settimane successive, per assicurarsi che il vostro utero si contragga di nuovo nel suo stato originale.

Il vostro medico curante esaminerà anche il vostro perineo e ricucirà eventuali lacerazioni, se necessario, utilizzando eventualmente un anestetico locale.

In questa fase la maggior parte dei genitori concentra la propria attenzione sul bambino - quindi la terza fase è spesso un non-evento; tuttavia può essere abbastanza significativa se ci sono stati molti traumi alla nascita.

A volte potrebbe essere necessario prendere alcune decisioni rapidamente - per esempio, se volete che il vostro bambino sia sottoposto a iniezioni di vitamina K o per l’epatite B. Può essere d’aiuto essere abbastanza chiari fin dall’inizio su quali decisioni avete preso e magari preparare le vostre risposte per iscritto. Oppure assicuratevi che il vostro accompagnatore del parto / marito / persona di supporto conosca le risposte a queste domande se siete troppo "fuori di testa" per prendere queste decisioni.

Se vi siete già accordati per donare o conservare il sangue del cordone ombelicale del vostro bambino, l'ostetrica agirà rapidamente per drenare il sangue dal cordone ombelicale e trasferirlo nell'apposito deposito.

EmptyView