Gravidanza + Essere padre + papà + spese per il bambino Gravidanza + Essere padre + papà + spese per il bambino
Gravidanza

Prepararsi durante la dolce attesa: le spese per il bambino

Spese per il bambino

Carta di credito prosciugata

Cosa dice lui

Innanzitutto, la carta di credito prosciugata credo che sia una costante della famiglia estesa. Al di là delle spese principali durante la gravidanza per culla, carrozzina, lavori in casa, giocattoli e seggiolini per auto, si spende un sacco di soldi per abiti pre-maman, tiralatte, parcheggi in ospedale, materiali di Winnie the Pooh e cose che non avrei mai pensato prima.

Sin dall’inizio il nostro piano consisteva nel destinare lo stipendio di Claudia a un conto di risparmio, mentre il mio sarebbe servito per le spese correnti, per la gravidanza e per tutto il resto. In questo modo ci saremmo abituati a vivere con un solo stipendio e nel frattempo avremmo iniziato a risparmiare del denaro. Come ogni cosa che suggerisce la mia compagna, era un’ottima idea.

Uno dei principali canali di spesa inaspettati è stato Internet, con i suoi siti web per neonati, soprattutto nell’ultimo periodo della gravidanza, quando Claudia era a casa, facendo riposare tutto tranne la mano per muovere il mouse.

Da parte mia, ho ancora vivo il ricordo di quando guardai la cassiera scansionare il mio primissimo acquisto di pannolini Huggies®, acquistati appena prima del parto, e in quel momento mi resi conto che ci sarebbe stato un grosso cambiamento nella nostra vita e che le spese per il bebè sarebbero lievitate.

Ora, trascorsi 18 mesi, anche se abbiamo speso molto, non ci siamo mai trovati in ristrettezze economiche, merito soprattutto di alcuni buoni consigli finanziari, di una buona pianificazione e di familiari che ci hanno regalato costantemente vestiti e giocattoli. In più, vista la quantità di foto che ho scattato alla mia bambina, sono molto orgoglioso della mia decisione di passare a una fotocamera digitale migliore.

Credo che la gravidanza, il parto e l’essere genitori – sicuramente finché la scuola non peserà sulle finanze – non siano stati tanto una spesa, quanto un impercettibile ripensamento delle priorità.

Cosa dice lei

Eccoci alle preoccupazioni economiche. Lasciatemi dire che, quando Paolo prese effettivamente coscienza della gravidanza, cominciò a farmi delle domande e una di queste era: “Quando vai a comprare i vestiti e tutto il resto?” Io proposi che non dovevamo comprare ogni cosa, perché i bimbi crescono in fretta e ti vengono regalate COSÌ TANTE cose nuove e usate che non c’era bisogno di acquistare tutto. Ma Paolo disse che i suoi figli non avrebbero indossato vestiti di seconda mano! Bastò una visita nei negozi per fargli cambiare subito opinione.

Per maggiori informazioni, vedi la sezione Paternità.

EmptyView