Gravidanza + Benessere in gravidanza + Vitamine e integratori Gravidanza + Benessere in gravidanza + Vitamine e integratori
Gravidanza

Vitamine e integratori

Vitamine e integratori

“Integratore” è un termine generico

Per definire gli integratori spesso si usano espressioni diverse come “integratori alimentari”, “integratori nutrizionali” e “integratori dietetici”. A tutt’oggi, non esiste una definizione universalmente accettata con differenze da paese a paese.

Esistono integratori di vario tipo, dai mono- ai multivitaminici, passando per quelli contenenti minerali, erbe aromatiche, aminoacidi, fibre, composti vegetali e molto altro ancora. Due integratori apparentemente simili si differenziano tra loro per la composizione del nutriente, il livello del nutriente e la quantità degli altri nutrienti aggiunti per migliorarne l’assimilazione e, ovviamente, anche per il prezzo e il dosaggio. Prendiamo ad esempio la vitamina C: puoi acquistarla sotto forma di acido ascorbico (vitamina C pura), oppure di acido ascorbico tamponato con altre sostanze per migliorare la tollerabilità a livello di stomaco (e di portafoglio) come il sodio (ascorbato di sodio) o il calcio (ascorbato di calcio), la vitamina C con bioflavonoidi ecc. Inutile dire che quest’ampia gamma di offerte non fa che complicare ulteriormente la scelta dell’integratore migliore per te e i tuoi familiari.

Si è portati a pensare che gli integratori siano innocui perché costituiti dagli stessi elementi che si trovano nel cibo. Tuttavia, però, nessun laboratorio è riuscito a eguagliare Madre Natura in fatto di sostanze nutritive, il che rende il cibo la migliore fonte di nutrimento che abbiamo a disposizione.

Chi deve assumere integratori?

Per i motivi più svariati, alcuni di noi hanno più probabilità di avere bisogno di un determinato integratore. Per esempio:

Le donne in gravidanza e le donne che hanno un desiderio di gravidanza devono assumere acido folico. Si consiglia di iniziare prima di rimanere incinta e di continuare a prenderlo per alcuni mesi al fine di ridurre il rischio di insorgenza dei difetti del tubo neurale nel feto.

Spesso alle donne che allattano è consigliato di assumere integratori, soprattutto se si tratta di madri giovani o hanno avuto gravidanze ravvicinate.

Anche i fumatori e le persone che assumono alcolici hanno in genere bisogno di integratori.

Chi fa uso di stupefacenti dovrebbe assumere degli integratori per diversi motivi, tra cui cattive abitudini alimentari.

Le persone che seguono diete ipocaloriche o che hanno un’alimentazione limitata per i più svariati motivi (ad esempio, intolleranza o allergia al lattosio) hanno bisogno di assumere degli integratori.

I soggetti deboli e le persone anziane, così come quelle molto malate, spesso hanno bisogno di integratori a causa di una dieta inadeguata.

Alle persone che non praticano un’attività fisica, che non possono uscire di casa o che si vestono in modo eccessivo viene consigliato di assumere la vitamina D.

Alle persone che soffrono di problemi di malassorbimento come la celiachia si raccomanda di assumere integratori per compensare la perdita di sostanze nutritive.

Se rientri in una delle suddette categorie, ti suggeriamo di rivolgerti al medico o al tuo specialista di fiducia per avere consigli sull’integratore più adatto a te, prima di comprare un prodotto inadeguato.

Dubbi più comuni sugli integratori

Acido folico

Come si è detto in precedenza, le donne che manifestano il desiderio di gravidanza, o che si trovano nelle fasi iniziali della gestazione, in generale devono assumere integratori di acido folico. È interessante notare che questa integrazione non si deve a una carenza, bensì a una questione legata alla trasformazione. Con gli integratori si “introduce” una quantità maggiore di acido folico nell’organismo della madre per superare eventuali errori di trasformazione dei folati.

Iodio

È stato dimostrato che le donne e i bambini presentano un rischio maggiore di carenza di iodio. Per questo motivo, molti Paesi hanno avviato programmi di fortificazione con iodio. Oggi, anche gli integratori più comuni assunti in gravidanza contengono iodio. Tuttavia, si sconsiglia di assumere iodio in quantità eccessive perché potrebbe avere effetti nocivi.

Calcio

I soggetti più a rischio sono le ragazze adolescenti perché non assumono dosi sufficienti di calcio. La fase dell’adolescenza è importantissima per la formazione della densità ossea e l’apporto di calcio risulta vitale.

Vitamina D

Anche la carenza di vitamina D provoca conseguenze pericolose soprattutto nei bambini, negli anziani e nelle persone che non si espongono adeguatamente alla luce solare. Quando sei al supermercato, opta per i prodotti che presentano l’etichetta “arricchito con vitamina D”.

Gli integratori alimentari sono sicuri?

Non tutti i rimedi naturali né gli integratori sono sicuri. In caso di dubbi sulla sicurezza di un integratore o di un rimedio naturale, consulta il tuo medico, farmacista o professionista di fiducia. Informa sempre il medico se stai assumendo un integratore alimentare o se hai intenzione di assumere gli integratori naturali insieme ai farmaci convenzionali. Non sospendere la cura a base di farmaci convenzionali per assumere soltanto integratori perché potrebbe non essere sicuro. Soprattutto nel caso di donne in gravidanza o che allattano. Quando assumi integratori alimentari, ricorda quanto segue:

Possono causare effetti collaterali, scatenare reazioni allergiche o interagire con i farmaci da banco o soggetti a prescrizione medica o con altri integratori che stai assumendo. In questo caso, le tue condizioni di salute potrebbero peggiorare.

Gli integratori alimentari sono prodotti mediante processi non standardizzati. Per questo motivo, la loro efficacia e gli eventuali effetti collaterali possono essere diversi a seconda della marca, ma anche dei lotti della stessa marca. La composizione dell’integratore che hai acquistato in erboristeria o al supermercato potrebbe essere diversa da quella usata in laboratorio.

A differenza delle vitamine e dei minerali, gli effetti a lungo termine della maggior parte degli integratori alimentari non sono noti.

Argomentazioni contro l’assunzione di integratori naturali

Le argomentazioni contro l’assunzione regolare di integratori alimentari sono diverse e non hanno bisogno di conferme. Ecco alcuni esempi:

L’assunzione di integratori può generare nelle persone un falso senso di sicurezza impedendo loro di seguire un’alimentazione sana e uno stile di vita salutare.

Riguardo agli integratori, le attività di marketing e pubblicitarie possono essere fuorvianti e generare confusione tra i consumatori, considerata la natura complessa delle sostanze nutritive.

Le sostanze nutritive interagiscono costantemente tra loro. Ad oggi, non risulta chiaro in che misura un integratore possa interferire con l’equilibrio nutrizionale del nostro organismo.

Le sostanze nutritive possono avere effetti positivi e negativi. Ad esempio, la vitamina E riduce il rischio di malattie cardiovascolari, ma può aumentare il rischio di ictus.

Se assunti in quantità elevate, gli integratori possono risultare tossici e/o causare altre carenze nutrizionali, oppure mascherarle.

Alcuni integratori alimentari possono interferire con l’azione dei farmaci.

I risultati delle ricerche condotte sugli integratori sono difficili da valutare. Uno dei motivi potrebbe essere che gli integratori presentano numerose combinazioni.

Molti integratori sono costosi.

Gli integratori prevengono i tumori?

Solo pochissime persone non sono state colpite dal cancro e si ha la tendenza a credere che assumere integratori possa proteggerci dai tumori. Tuttavia, la maggior parte delle associazioni di medici non è a favore del consumo di integratori per la prevenzione del cancro e di altre malattie. Se consumati in dosi elevate, gli integratori ci proteggono da alcuni tipi di tumore, ma potrebbero essere collegati ad altre forme di cancro. La maggior parte delle associazioni di medici consiglia invece di incrementare l’assunzione di cibi e bevande con un’elevata concentrazione di sostanze nutritive.

Perché non usare il cibo come medicina?

Spesso ci dimentichiamo delle proprietà benefiche dei cibi di origine vegetale, come le erbe aromatiche dell’orto o anche quelle del supermercato. Ad esempio, ultimamente si sente molto parlare della curcuma, molto utilizzata nella cucina indiana, e dei suoi benefici (invece di ricorrere agli integratori) nella prevenzione dei tumori. Numerose associazioni contro il cancro pongono l’accento sulle ricerche svolte sugli alimenti e sulla loro azione preventiva contro il cancro.

Tra gli alimenti che riducono l’insorgenza dei tumori ricordiamo:

Broccoli

Aglio

Gli alimenti ricchi di vitamina C, come peperoni rossi, guava, acerola ecc.

Olio di pesce e oli vegetali come quelli presenti nel salmone o nei semi di lino e di chia.

Probiotici, che aiutano a migliorare la salute del sistema immunitario e dell’intestino.

Consumo sì, ma con attenzione

Se scegli di assumere integratori, o se ritieni che il tuo bambino ne abbia bisogno, adotta un approccio mirato:

Rivolgiti a un dietologo o a un medico per ricevere consigli su una corretta alimentazione per te e il tuo bambino.

Verifica che i livelli delle sostanze nutritive siano paragonabili alla dose giornaliera raccomandata.

Rivolgiti a un dietologo o a un medico per discutere dei risultati ottenuti, del tuo stato di salute generale e di quello del bambino al fine di elaborare un piano dietetico che soddisfi i tuoi fabbisogni nutritivi.

Modifica periodicamente la dieta in base ai cambiamenti del tuo stile di vita.

Prima il cibo!

Numerose ricerche hanno dimostrato che le sostanze nutritive contenute negli alimenti hanno un effetto benefico maggiore rispetto alle sostanze nutritive di sintesi (l’eccezione è rappresentata dall’acido folico, meglio assimilato rispetto al folato naturale). In realtà, numerose sostanze nutritive riconosciute hanno effetti diversi se le stesse provengono dagli alimenti. Ciò potrebbe dipendere dalle altre sostanze nutritive e dai livelli intrinseci dell’alimento o, addirittura, dai composti di sostanze nutritive aggiunti agli integratori.

Stiamo continuamente scoprendo nuovi elementi presenti nei cibi, oltre agli effetti e ai benefici di molte sostanze nutritive che già conosciamo, compreso il loro funzionamento. Mentre vi sono pareri concordi sull’importanza degli integratori, certi soggetti specifici devono ricorrere a integratori con una formulazione migliore. Senza dubbio, il modo migliore per proteggerci dalle malattie e dai problemi di salute è seguire un’alimentazione sana ed equilibrata e fare un adeguato esercizio fisico.

EmptyView