Gravidanza + Suggerimenti per organizzarsi + Bambini + Pulizia e ordine Gravidanza + Suggerimenti per organizzarsi + Bambini + Pulizia e ordine
fino a un anno

Educare i bambini alla pulizia e all'ordine

Educare i bambini alla pulizia e all’ordine

Quando i bimbi cominciano a camminare, in genere amano molto essere coinvolti nelle pulizie e aiutare i genitori a riordinare. Non necessariamente, però, riusciranno a essere davvero di aiuto. Tuttavia, è comunque una buona occasione per coinvolgerli in qualche piccola attività e favorire un approccio positivo alle faccende di casa.

Fai in modo che i più grandicelli abbiano tutti un incarico per pulire e riordinare. Favorirà l’autonomia e limiterà l’aspettativa che ci pensino gli altri. In genere i bambini tendono a scegliere le attività meno impegnative e ci sarà bisogno di spingerli ad andare oltre nello svolgimento dei loro compiti domestici.

Crea l’approccio giusto

Magari non sopporti di dover pulire e riordinare, oppure ti piace goderti i risultati. Indipendentemente dal tuo stato d’animo, è importante creare un approccio positivo nei bambini. Assorbono come spugne ciò che dici e dimostri, e in breve tempo ti imiteranno. Stimola il senso dell’avventura per fare le pulizie e riordinare. Insisti sulla soddisfazione di avere un lavoro ben fatto e probabilmente loro faranno lo stesso.

Sii realistica

Un bimbo che gattona, anche se volenteroso, non potrà essere di grande aiuto nelle faccende domestiche. Tuttavia, è comunque possibile coinvolgerlo con piccole mansioni e fargli capire da subito l’importanza di contribuire. Procurati dei contenitori larghi e bassi per i giocattoli. A un certo punto della giornata, invitali a riporre giochi e attività in questi contenitori.

I bambini più grandi possono avere un ruolo più rilevante nella pulizia della casa. È importante trovare il giusto equilibrio tra coinvolgerli e sovraccaricarli. Sei quella che li conosce meglio e sa cosa sono in grado di fare. Tienilo ben presente quando li coinvolgi. Possono svolgere compiti come rifare il proprio letto, svuotare la lavastoviglie o sparecchiare dopo cena.

Se i tuoi bambini vanno a scuola, chiedi a loro come pensano di poterti aiutare a pulire e riordinare. Potrebbero sorprenderti. Prepara una tabella dei compiti della famiglia, così tutti sapranno cosa devono fare e tu avrai tutto sotto controllo.

Fai una verifica

Se hai assegnato ai bambini dei compiti da svolgere, verifica che li eseguano. In alcuni casi potranno essere svolti nel fine settimana, soprattutto se sono molto impegnati durante la settimana. Tuttavia, è importante rammentargli l’impegno ed elogiarli quando lo portano a termine.

Se al mattino non siete in ritardo, dedica qualche minuto a controllare le camere da letto. Complimentati se hanno rifatto i letti e messo i vestiti sporchi nel cesto della biancheria. Se non lo hanno fatto, anziché rimproverarli dicendo “Perché non avete fatto i letti e messo i vestiti sporchi nel cesto?”, chiedi “Quando rifate i letti e mettete i vestiti sporchi nel cesto?”. Così facendo, gli ricorderai le loro responsabilità ma gli darai anche l‘opportunità di trovare il tempo per adempiere agli impegni.

Abbi pazienza

Coinvolgere i bambini nelle faccende di casa è un processo continuo. Ricorda di puntare alla positività e di premiare i loro sforzi. Rientra nel quadro più ampio di favorire l’autonomia e aiutarli a imparare le attività quotidiane fondamentali.

EmptyView