Gravidanza + Neogenitori + Genitori single + supporto Gravidanza + Neogenitori + Genitori single + supporto
fino a un anno

Supporto ai genitori single

Supporto ai genitori single

Tradizionalmente i figli vengono affidati più frequentemente alla madre in caso di separazione. Una volta crescere i propri figli senza padre rappresentava uno stigma sociale, le madri single restavano isolate ed escluse dalle proprie comunità. Fortunatamente oggi l’inclusione e l’accettazione sociale hanno cambiato la maniera in cui intendiamo essere famiglia.

Può essere molto difficile chiedere aiuto per un genitore separato, specialmente se non l’ha mai dovuto fare prima. Le donne, a differenza degli uomini, sono più propense a parlare dei propri problemi e a chiedere aiuto. In ogni caso le agenzie e i gruppi di supporto offrono assistenza a entrambi senza discriminazione.

Accettare di aver bisogno dell’aiuto di parenti e amici, forse anche dal punto di vista economico, può cambiare i proprio valori e il proprio modo di vedere il mondo. Ma in nessun caso è giusto isolarsi. Siamo creature sociali per natura, tutti prima o poi avremo bisogno dell’aiuto degli altri. Le ragioni per questo fatto sono varie e numerose, ogni famiglia ha la propria storia unica e irripetibile.

Ma penseranno che non sono in grado di cavarmela.

Chiedere aiuto può essere un segno di forza non di debolezza. Le persone ragionevoli solitamente solo felici di aiutare chi glielo chiede. Non dovranno necessariamente farsi un’opinione sul perché e per come gli si chieda aiuto, potranno aiutare e basta. Spesso un piccolo aiuto per uscire da un momento difficile può fare la differenza fra lottare e farcela.

L’aiuto ha molte forme. Una mano per fare il trasloco, inscatolare le proprie cose, spostare o mettere i mobili in magazzino, badare ai bambini o offrire ospitalità possono fare la differenza. Il sostegno emotivo può essere fornito anche telefonicamente, via mail o con una semplice visita. Ogni tipo di aiuto ha un grande valore. Gli sforzi combinati di una serie di persone su diversi livelli, piuttosto che di una sola, potranno davvero aiutare un genitore single a tenersi a galla.

Che solitudine!

I primi giorni successivi alla separazione sono quelli in cui molti genitori si sentono più confusi e molto soli. Il pensiero di avere la responsabilità di bambini che dipendono da te e prendersi cura delle esigenze emotive di tutti può risultare molto stressante. All’inizio è meglio pensare solo a ciò che è davvero importante e cercare di fare una cosa alla volta. Pensare a ciò che il futuro potrà riservare e amplificare la sensazione di smarrimento potrebbe avere un impatto emotivo estremamente negativo. È più sensato cercare di capire di cosa si ha bisogno per concentrarsi su ciò che è realmente importante. Tempo, pazienza, comunicazione e calma aiuteranno i tuoi bambini a sentirsi più sicuri.

Che sollievo!

Non sempre la separazione è necessariamente un processo triste, in effetti molte volte può essere un sollievo. In ogni caso, per quanto tossica e distruttiva, c’è sempre un po’ di rimpianto per quello che la relazione avrebbe potuto essere. Quindi in ogni caso la fine di una relazione è un momento molto stressante e non dovrebbe essere sottovalutato. Rinunciare a un futuro insieme come genitori accettando la realtà di una relazione finita può richiedere molti anni.

L’ideale, in caso di separazioni consensuali, è dare la priorità ai bambini e di avere un comportamento civile. Purtroppo per molte ragioni non è spesso così che accade. Dolore e rabbia, risentimento e biasimo continueranno ad affliggere molte coppie assorbendo le loro energie in emozioni negative invece di dedicarsi al futuro della propria vita.

Fonti di sostegno

Parenti e amici Non ti sorprendere se alcune persone che non avevi mai preso in considerazione come sostegno si rivelano utilissime. Ognuno ha la propria storia e il proprio vissuto, a volte le amicizie più sincere si vedono nelle avversità. Essere aperti ad accettare tutte le offerte di aiuto - per alcune persone è un modo di ripagare per le volte che hanno avuto bisogno in passato.

Il tuo medico o centro medico di zona. Rivolgersi a un professionista del settore in grado di fornire la consulenza più adatta può essere molto utile. Un approccio oggettivo potrà consentirti di capire se hai necessità di altre sedute, di una terapia o di farmaci per la depressione, in caso questo fosse il tuo problema.

Gruppi di supporto online e blog per genitori single. Fai attenzione quando fornisci informazioni private o che ti identificano, specialmente se si tratta dei tuoi bambini. Alcuni siti possono sembrare molto attraenti per persone vogliono reperire informazioni su minori.

Ricorda

Ricorda che non sei da sola. Ci sarà sempre qualcuno che vorrà ascoltarti e sostenerti. Verifica l’elenco di agenzie che possono supportarti alla fine dell’articolo.

Il tuo compito è proteggere i tuoi bambini e aiutarli a sentirsi più sicuri. Potrai farlo solo se ti sentirai vigile ed equilibrata. Se hai bisogno di aiuto, attivati e non esitare a chiederlo.

I figli di genitori separati sono più esposti al rischio di abusi. I soggetti che prendono di mira i bambini sono particolarmente abili a instaurare relazioni che fanno leva sulla vulnerabilità e sul senso di fiducia. Cerca di essere protettiva, attenta e prudente.

I bambini non sono in grado di prendere le giuste decisioni relative al proprio accudimento. Anche se forse desiderano essere coinvolti nell’organizzazione della loro gestione, è probabile che non conoscano tutta la storia dietro la separazione. Ascolta te stessa quando devi prendere decisioni urgenti.

Se non ti senti al sicuro o temi di subire qualche tipo di violenza da parte del tuo ex, rivolgiti alla polizia. La violenza domestica può essere letale e deve essere presa sul serio. Alla fine di questo articolo sono indicati i numeri utili dei servizi di emergenza.

Informa gli insegnanti del nido o della scuola del tuo bambino in merito alla separazione e mantieni una comunicazione aperta. Se hai traslocato, assicurati che abbiano i tuoi nuovi recapiti.

Dopo la separazione, può servire tempo per riuscire a ricucire i rapporti con l’ex. Anche se ormai non esiste alcun legame tra di voi, sarete sempre uniti dai figli. Cerca di essere paziente e di avere una visione d’insieme.

La mediazione di un terzo potrebbe aiutarvi a trovare un modo per comunicare in relazione ai bambini e alle spese da condividere.

EmptyView