Cura del bebè + Salute + consigli per la vaccinazione Cura del bebè + Salute + consigli per la vaccinazione
fino a un anno

Consigli per la vaccinazione

L’articolo è stato modificato in base alla normativa italiana. Si prega di verificare.

Consigli per la vaccinazione

Perché dovrei vaccinare mio figlio?

La vaccinazione protegge il tuo bambino da alcune gravi malattie presenti nella nostra comunità. Vaccinando tuo figlio contro queste malattie, la probabilità di contagio si riduce in maniera sostanziale e, se siamo una comunità attenta, potremmo debellare queste gravi malattie così come è successo con il vaiolo.

Le vaccinazioni sono obbligatorie?

Il decreto vaccini del 2017 stabilisce che i bambini ricevano obbligatoriamente 10 vaccinazioni. Quattro ulteriori vaccinazioni sono fortemente consigliate. Si consiglia vivamente di vaccinare i bambini per evitare che contraggano malattie gravi che sono ancora in circolazione e che potrebbero essere trasmesse anche a te.

NB: I genitori sono tenuti ad assicurare che i propri figli siano vaccinati. Al momento dell’iscrizione a scuola potrebbe essere richiesto un certificato vaccinale dettagliato.

Dove devo recarmi per far vaccinare mio figlio?

Ogni nuovo nato riceve una lettera dall’ASL con l’invito a recarsi presso i Servizi vaccinali per la somministrazione delle vaccinazioni prioritarie, secondo il calendario vaccinale del Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019. Al momento della prima dose viene rilasciato un certificato, che sarà aggiornato a ogni seduta vaccinale successiva.

Qual è la procedura da seguire?

Consulta l’ospedale locale o il pediatra.

Compila un modulo/una scheda all’arrivo in ospedale se ci vai per la prima volta. Se non è la prima volta, dovresti portare con te le schede.

Comunica all’infermiera l’età del bambino e le vaccinazioni già effettuate.

L’infermiera misurerà il peso, la lunghezza e la circonferenza cranica del bambino per stabilire se la crescita sta proseguendo come previsto.

Il bambino verrà vaccinato in base all’età.

Verrai informata su come gestire le reazioni di tuo figlio al vaccino (a volte può presentarsi una febbre da vaccino ed è bene segnalare all’infermiera eventuali allergie, come ad esempio alle uova).

Ti verrà comunicata la data della vaccinazione successiva.

Devo conservare il certificato vaccinale di mio figlio?

Sì, ogni volta che ti presenti per una vaccinazione devi portare con te la scheda sanitaria che ti è stata rilasciata subito dopo la nascita e farla aggiornare ogni volta.

Come devo comportarmi se mio figlio è malato nel giorno in cui è prevista la vaccinazione?

Dovresti rimandare la vaccinazione solo se tuo figlio sta molto male quindi, ad esempio, se ha febbre oltre 38,5 °C, diarrea, vomito o un’infezione grave delle alte vie respiratorie. Chiedi consiglio al pediatra.

Non sono riuscita a vaccinare mio figlio nei tempi suggeriti, dovrei provare a recuperare?

Sì, certo. Anche se sarebbe stato meglio attenersi alle tempistiche consigliate. Parla con il pediatra per programmare un “vaccino di recupero”, chiedendo un vaccino combinato che possa ridurre il numero di iniezioni in un’unica seduta.

Perché devo mostrare il certificato vaccinale di mio figlio quando lo iscrivo all’asilo nido o alla scuola dell’infanzia?

Queste informazioni vengono utilizzate nel caso in cui scoppiasse un’epidemia presso il centro per individuare i bambini che potrebbero contrarre, o diffondere, la malattia. Se tuo figlio non è stato vaccinato, è probabile che non potrà frequentare durante l’epidemia.

Come posso fare in modo che l’esperienza sia meno stressante?

Purtroppo vaccinare tuo figlio è una situazione per cui devi fare la parte della cattiva per il suo bene e praticamente tutte le mamme sono stressate o preoccupate in questa circostanza. Prova a calmarti in modo che il tuo bambino non percepisca eventuali negatività e cerca di accettare che si tratta solo di un dolore momentaneo.

Ecco alcuni consigli:

Prova a ricordarti di portare con te un giocattolo speciale, un regalino o uno snack da dare subito dopo l’iniezione per distogliere l’attenzione.

Durante l’iniezione dovrai tenere fermo il tuo bambino. Valuta di coinvolgere il tuo partner se pensi che possa servire il suo aiuto.

Non fare troppi programmi per quando avrai finito con la vaccinazione. Vai a casa e prenditi un giorno di riposo.

Se hai altri figli, lasciali eventualmente in compagnia dei loro amichetti in modo che tu possa concentrarti sul bambino che è stato vaccinato.

Se il tuo bambino è più grandicello, giocate al dottore e spiega che “l’aghetto” impedirà di farlo ammalare gravemente in futuro.

Se tuo figlio ha molta paura degli aghi, parlane con il pediatra in modo da valutare l’uso di un anestetico locale prima della seduta.

Per maggiori informazioni visita il sito del Ministero della Salute http://www.salute.gov.it/portale/vaccinazioni/homeVaccinazioni.jsp

EmptyView