Bebè + 25 mesi + Mamma Bebè + 25 mesi + Mamma
da uno a tre anni

25 mesi

Il bambino a 25 mesi

A 25 mesi, il tuo bambino chiacchiera in continuazione e, appena può, cerca di attirare la tua attenzione. Ci saranno sicuramente dei brevi momenti in cui la sua attenzione verrà catturata da qualcosa di interessante, ma è talmente legato a te dal punto di vista emotivo che dovrà sapere di averti ragionevolmente vicina. Anche se a volte questa situazione potrebbe sembrarti un po’ soffocante, ricorda che l’indipendenza del tuo bambino aumenterà con la crescita. Per il momento, dedicagli l’attenzione di cui ha bisogno e fai in modo che possa allontanarsi da te per andare in esplorazione.

Il tuo bambino sta imparando a socializzare e si identificherà con altri bambini e adulti. Sarà ancora diffidente nei confronti degli estranei e avrà bisogno di familiarizzare con le persone che non conosce, ma una volta che si sentirà sicuro non lo fermerà più nessuno.

Il tuo bambino diventerà il nuovo migliore amico di chiunque, anche di se stesso. Inizierà a chiacchierare anche durante il gioco e sperimenterà una serie di voci e suoni diversi. Non aspettarti, però, di capire tutto quello che ha da dire. A 25 mesi c’è ancora un po’ di strada da fare per lo sviluppo del linguaggio.

Crescita e sviluppo

Se non lo hai già fatto lo scorso mese, misura l’altezza del tuo bambino e raddoppiala. Potrai farti un’idea di quale potrebbe essere la sua altezza da adulto. In questa fase non assisterai a una crescita evidente o a un aumento significativo del peso, ma il tuo bambino crescerà e maturerà col passare del tempo. Sulla sua statura influiranno i geni, l’ambiente e l’alimentazione. Tra gli amichetti del tuo bambino potrai notare tante altezze diverse e ognuno avrà proporzioni differenti.

Potrebbe essere arrivato il momento di tagliare i capelli, esperienza che per alcuni bambini può essere a dir poco straziante. A livello ancestrale, possono avere problemi a vedere i propri capelli a terra dopo averli tagliati. Spesso l’appuntamento dal parrucchiere si rivela una situazione stressante per tutte le persone coinvolte. Tutte le spiegazioni del mondo potrebbero non aiutare, per cui l’unica alternativa potrebbe essere tagliargli i capelli durante il sonno. Distrarlo mentre è sveglio potrebbe funzionare solo in parte, soprattutto se si offrono dei dolcetti.

Il tuo bambino descriverà le cose usando più parole, come morbido, duro, sporco o pulito. Riuscirà a mettere insieme qualche parola per formare una frase e aspetterà il proprio turno per dire la sua. Capirà, inoltre, cosa vuol dire dover rispondere a una domanda.

Il tuo bambino imparerà a utilizzare alcuni oggetti che trova in casa, come posate, pulsanti, rotelle e maniglie delle porte. Sarà ancora molto egocentrico e continuerà a usare parole come “io” e “mio” nelle frasi. Non avrà ancora troppa voglia di condividere le proprie cose, come quando non è assolutamente interessato a un gioco finché non gli si avvicina un altro bambino.

Gioco e interazione

Questo mese, sviluppando ulteriormente le proprie capacità di motricità fine, il tuo bambino conoscerà il proprio lato creativo. Questo significa che diventerà più bravo a tenere in mano una matita, a disegnare un cerchio e a copiare delle immagini semplici. Potrebbe muovere la bocca o tirare fuori la lingua per trovare la giusta concentrazione: a questa età si fa molta fatica a restare concentrati.

Non aspettarti che il tuo bambino sia organizzato o mantenga in ordine la zona in cui tiene i giochi. A te piacerebbe che giochi e mattoncini fossero ordinati per tipo, ma il tuo bambino non riesce a tenere le proprie cose in ordine.

La stessa cosa vale per libri e riviste, ma anche quotidiani e pubblicità. Il tuo bambino riconoscerà gli oggetti a lui familiari e te li indicherà.

Assicurati che il tuo bambino abbia una pallina e una racchetta per colpirla. Questo lo aiuterà molto nella coordinazione mano-occhio e rimarrai sorpresa dalla velocità con cui diventerà sempre più bravo. Per il momento, però, aspettati che utilizzi entrambe le mani allo stesso modo, dato che è troppo piccolo per aver sviluppato una mano dominante. Questa è anche l’età dei nascondigli in cui rintanarsi e del gioco simbolico. Giocare sotto a un grande lenzuolo gettato su un tavolo può intrattenere un bambino o due per ore, soprattutto se si tratta anche di mangiare.

Fai in modo che il tuo bambino passi meno tempo possibile davanti a uno schermo e incoraggialo a muoversi e a essere attivo. Se dovesse guardare la televisione, controlla quali programmi segue. Ricorda che non importa solo cosa guarda il tuo bambino, ma anche quello che non fa mentre se ne sta seduto davanti a uno schermo.

Cosa aspettarsi questo mese

Il riposino sarà ancora un momento fondamentale nella giornata del tuo bambino di 25 mesi. Dopo pranzo diventerà un po’ irritabile e anche tu avrai bisogno di una piccola pausa. Se riesci, prova a ignorare le sue proteste. Mantieni la calma e tieni duro, perché spesso i bambini tendono a spingersi oltre. A questa età, è ancora troppo presto per rinunciare al riposino e, anche se il tuo bambino potrebbe dormire solo per un’oretta, questa pausa può essere molto rinvigorente. Se hai bisogno di riposare, fallo. Altrimenti sfrutta il tempo a disposizione per fare qualcosa per te, che potrebbe farti sentire rigenerata ed essere utile per affrontare il resto della giornata.

Questo mese il tuo bambino correrà parecchio e questo significa che dovrai farlo anche tu! Controlla che cancelli e recinzioni siano in buone condizioni perché il tuo bambino è ancora troppo piccolo per capire i rischi per la propria sicurezza. Incoraggialo a giocare all’aperto tutti i giorni e a prendere parte ad attività non praticabili in casa. Imparerà la differenza tra giocare al chiuso e all’aperto, ma proverà a mischiare le due situazioni quando potrà. Dovrai fargli capire che non è consentito colpire o calciare una palla al chiuso e neanche trasportare secchielli di acqua e sabbia in casa. Dovrà andare per tentativi per capire dove iniziano (e dove finiscono) i confini della casa.

Cibo e alimentazione

Niente invoglierà il tuo bambino a mangiare più della fame. È questo il fattore che influirà più di ogni altro sulla quantità di cibo che mangerà e sulla frequenza con cui lo farà. Questo significa che bisogna intervallare pasti principali e spuntini, facendo in modo che il piccolo non si riempia di latte. La colazione è un pasto molto importante, ma se il tuo bambino non ha voglia di mangiare appena sveglio, non c’è problema.

Alcuni bambini hanno bisogno di un’ora o più per svegliarsi per bene e non si interessano del cibo per un po’. Altri, invece, escono dalla camera da letto e si dirigono subito verso il frigorifero. E sono assolutamente intrattabili finché non mangiano qualcosa.

La salute del tuo bambino

Adesso il tuo bambino vorrà trasformarsi nel tuo piccolo aiutante, qualsiasi cosa tu stia facendo. Questo significa che dovrai fare attenzione a quello che utilizzerai. Detergenti e prodotti chimici potrebbero non essere tossici per un adulto, ma potrebbero essere rischiosi per un bambino in fase di sviluppo e con organi immaturi. Se il tuo bambino di 25 mesi ha voglia di aiutarti a pulire, dagli un secchio di acqua e schiuma ottenuta con sostanze innocue.

Sulla testa del tuo bambino potrebbero comparire degli ospiti indesiderati: i pidocchi. Per questo, i genitori devono fare attenzione e controllare i capelli e il cuoio capelluto dei loro figli. Sono disponibili trattamenti di vario genere, da quelli più naturali e atossici a formulazioni a base di pesticidi. Uno dei trattamenti più efficaci è il balsamo per capelli: applicato sui capelli asciutti, massaggiato e lasciato in posa per 20 minuti, può stordire i pidocchi in modo che sia più facile rimuoverli con un pettine a denti stretti.

Suggerimenti utili:

  • Programma un’attività, anche se piccola, per fare una pausa.

  • Stare a casa per giorni e giorni con un bambino intrattabile può essere pesante. Anche se il tuo piccolo potrebbe essere assolutamente contento della tua compagnia, è importante che tu abbia la possibilità di interagire e comunicare con altri adulti.

  • Vai alla scoperta della natura e aiuta il tuo bambino a cercare lucertole, formiche, cimici e scarabei.

  • Insegnagli a essere gentile e a rimettere in natura le creature che ha trovato. Grazie a te, il tuo bambino imparerà a rispettare le altre forme di vita.

  • Se hai bambini più grandicelli, incoraggiali a coinvolgere il più piccolo nei loro giochi.

  • Sentirsi parte di un gruppo, e non esserne esclusi, è importante per ognuno di noi, a maggior ragione per i bambini.

  • Se il tuo bambino succhia il pollice, prova a non stressarlo.

  • Da un punto di vista ortodontico, non è un grosso problema, a meno che il bambino non stia ancora succhiando il pollice o mettendo il dito in bocca nel momento in cui spuntano i denti permanenti, vale a dire intorno ai 6-8 anni.

  • Aspettati che il tuo bambino porti ancora il pannolino durante la notte.

  • Anche se potrebbe aver già tolto il pannolino durante il giorno, è più difficile rimanere asciutti per tutta la notte.

EmptyView