Bebè + 13 mesi + Mamma Bebè + 13 mesi + Mamma
da uno a tre anni

13 mesi

13 mesi del bebè

Ora che hai un bambino in giro per casa, ti sembrerà di scoprire qualcosa di nuovo ogni giorno. Preparati a sentirti come se avessi i paraocchi: ti chiederai come hai fatto a perderti tutte le cose meravigliose che il tuo bambino sta scoprendo per la prima volta. È in un’età fantastica, anche se molto faticosa per i genitori. Accertati con che gli ambienti in cui il tuo piccolo si muoverà non nascondano pericoli per la sua sicurezza. Questo è l’aspetto più logorante dell’essere genitori di un bebè: scongiurare ogni pericolo e domandarsi sempre: “Cosa succederebbe se...”. Cerca comunque di non porre freni alle sue opportunità di crescita e di scoperta: d’altra parte, è l’unico modo che ha per imparare a conoscere il mondo e tutte le cose affascinanti che contiene.

Sebbene il tuo bambino pensi di sapere esattamente quel che vuole, sei tu a sapere ciò di cui ha bisogno. A dargli sicurezza sono la prevedibilità e la routine regolare della vita familiare. Ti renderai conto che la capacità del tuo bambino di sopportare ore e ore di shopping o di fare cose a cui non è abituato è assai limitata. Tieni sempre bene a mente che con le sue proteste non sta cercando di metterti i bastoni tra le ruote. Via via che matura e che si sviluppa il suo linguaggio, sarà in grado di comunicare con te in modo sempre più chiaro. A 13 mesi però questo traguardo è ancora lontano, quindi dovrai essere abile nell’interpretare i suoi primi tentativi di farsi comprendere.

Crescita e sviluppo

Se il tuo piccolo ancora non cammina, potrebbe esserci comunque molto vicino. Capita spesso che genitori che hanno imparato a camminare presto abbiano figli che mostrano la stessa dimestichezza. Aspettati che cammini con le gambe un po’ distanziate e che assuma posture con le gambe divaricate. Questo lo aiuta a mantenere l’equilibrio, anche se sembra che sia appena sceso da cavallo! Man mano che diventerà più sicuro di sé, le sue gambe si avvicineranno e lui adotterà un’andatura più naturale, poggiando a terra prima il tacco e poi la punta del piede invece di tutto il piede a ogni passo.

Le tappe dello sviluppo sono soltanto orientative, cerca di non prenderle come obiettivi inderogabili. Avrai la sensazione che vi siano periodi durante i quali il bambino non fa nessun progresso. Ti sembrerà che il suo sviluppo si arresti per qualche settimana e che lui non faccia né dica nulla di nuovo. E poi, che riprenda improvvisamente ad evolversi, come se qualcuno abbia premuto di nuovo il pulsante “ON”.

Il tuo compito è offrirgli un ambiente interessante, stimolante e sicuro in cui crescere e imparare. Evita di forzarlo a svilupparsi o a potenziare le sue nuove abilità. In questo modo non faresti altro che suscitare in lui frustrazione e perdita di interesse. Sei al suo fianco per sostenerlo e incoraggialo, non per spingerlo a fare alcunché. Ricorda che, per quanto tu possa sentirti legata al tuo piccolo di 13 mesi, lui è una persona unica, completamente indipendente da te, con il suo cervello e le sue capacità.

Questo mese manifesterà sete di conoscenza, curiosità e interesse. Si infilerà negli armadi, sotto al letto, e cercherà di scalare qualsiasi superficie. Questo è per lui un mese pieno di impegni, ai quali si dedicherà fin dal momento in cui apre gli occhi. Il tuo bambino è ora in grado di afferrare oggetti molto piccoli ed è ancora presente in lui il potentissimo istinto biologico di mettere tutto in bocca. Purtroppo però ciò non vale per il cibo.

Gioco e interazione

Questa è l’età in cui il bambino predilige giocattoli che si possano spingere. L’ideale sono vagoncini o piccoli carrelli con maniglie, che si possano spingere o tirare. Anche i giocattoli che rispondono al principio causa-effetto sono molto apprezzati, poiché insegnano al bambino che può determinare un risultato. I giocattoli costosi non sono necessariamente i migliori, sebbene siano presentati come tali. I bambini amano le cose semplici. Conserva scatole di cartone, sacchetti di carta, confezioni vuote e carta da imballaggio. Con ogni probabilità saranno questi i giocattoli preferiti del tuo piccolo di 13 mesi, non quelli che hai comprato apposta per lui.

Cos’ha in serbo questo mese

La personalità del tuo bambino si delinea con maggiore precisione via via che impara a esprimere cosa desidera e a rifiutare quel che gli si propone. La parola “no” acquisisce uno spazio sempre più importante nel suo lessico.

Ti farà capire che ha bisogno di coccole e dimostrazioni di affetto, soprattutto quando si sente stanco. Non mancheranno i momenti che ti ricorderanno che è comunque ancora un bebè, come ad esempio quando si sveglia prima di tutti o quando ha bisogno di dormire.

Quando mangia sporcandosi tutto e giocando con il cibo. Il tuo bebè è decisamente troppo piccolo per aver già imparato le buone maniere a tavola. Non è ancora in grado di utilizzare un coltello in maniera corretta e vuole mangiare con le mani, spargendosi tutto addosso e sul seggiolone.

Non sa cosa si può toccare senza farsi male e cosa no. Dovrai riorganizzare la tua casa rendendola a prova di bambino. Togli di mezzo per qualche anno le cose di valore o sistemale in modo tale che le sue manine non possano raggiungerle. Procurati serrature a prova di bambino, copripresa, cancelletti di sicurezza e protezioni per fornelli. Consulta un elettricista per far installare un interruttore automatico nel quadro elettrico della tua casa.

Fallo giocare nella vasca da bagno, soprattutto in estate. Fare il bagnetto è l’ideale per rinfrescarlo, come passatempo o anche soltanto per farlo divertire. Ricorda che a 13 mesi il tuo bambino è ancora troppo piccolo per essere lasciato solo nella vasca da bagno, perciò siediti a terra accanto alla vasca o perché no, dentro insieme a lui. Mostragli come si fanno le bolle di sapone e procurati dei giocattoli con cui versare acqua, riscoprendo il bambino che c’è in te.

Cibo e alimentazione

Quando il piccolo spegnerà la sua prima candelina, il suo appetito avrà probabilmente subito qualche cambiamento. Se non mangia più come prima ed è diventato schizzinoso, non ti preoccupare, è normalissimo. Questa fase corrisponde a un rallentamento generale della crescita del bambino dopo il primo anno, poiché non ha più bisogno di così tanti kilojoule per carburare. Il tuo piccolo ha ancora bisogno di ricevere ogni giorno i seguenti alimenti:

latte o latticini, dalle 3 alle 5 volte al giorno. Se lo allatti ancora al seno, non smettere. Proseguire l’allattamento al seno fino a quando entrambi lo desiderate comporta benefici considerevoli. Le poppate possono essere da 3 a 5, e anche di più se ne sentite il bisogno.

La dieta del tuo piccolo deve comprendere frutta, verdura, carne, pesce, uova, cereali e pane.

Non preoccuparti eccessivamente se un giorno non ha tanta voglia di mangiare. Quel che conta è l’apporto totale in un periodo di alcuni giorni.

Accertati che, quando ha sete, abbia sempre a disposizione acqua, non succo di frutta, bevande o latte. L’acqua è la soluzione migliore per i suoi dentini e non aggiunge calorie al suo regime alimentare.

La salute del tuo bambino

Questo mese, al tuo bebè devono essere somministrate le vaccinazioni dei 13 mesi, quindi prendi appuntamento dal medico o in una clinica vicino casa per poterlo fare. Non dimenticare di portare con te il libretto delle vaccinazioni.

Prendi l’abitudine di lavargli le mani prima di mangiare e prima di andare a dormire. Fai anche in modo che ti veda tenere pulita la vostra casa. Il sistema immunitario del tuo bambino è concepito per affrontare ogni giorno migliaia di tossine. Secondo alcuni studi effettuati, le allergie sono in aumento perché abbiamo cercato in tutti i modi di tenere i germi lontani dai nostri figli.

Consigli utili

Prenditi cura di te stessa come ti prendi cura del tuo bambino.

Dall’esempio che gli dai, il tuo piccolo imparerà molto sul rispetto di sé e sulla fiducia nei suoi mezzi. Sincerati di trasmettergli le nozioni di base sull’alimentazione, sull’attività fisica e sulla cura del proprio corpo. Se non vai dal dentista da oltre sei mesi, prendi un appuntamento.

Controlla che il seggiolino auto del tuo bebè sia quello giusto per la sua età e il suo peso.

Se sono troppo strette, regola le cinghie e accertati che non ne possa uscire.

Elabora regole domestiche rigorose sulla circolazione in casa tua.

Utilizza cancelletti, gesti delle mani o messaggi chiari che indichino che il passaggio è libero e che si può fare marcia indietro in completa sicurezza.

Se fumi, non farlo nelle vicinanze del tuo bambino.

I figli di genitori fumatori sono più a rischio di ammalarsi, sviluppare asma e otiti e contrarre da grandi malattie croniche.

Se fino ad ora dormiva nella tua stanza, adesso puoi spostarlo nella sua cameretta.

Puoi decidere di farlo gradualmente oppure in un giorno solo. A 13 mesi i bambini potrebbero disturbare il sonno dei loro genitori ed essere disturbati a loro volta.

EmptyView