Bambino + Sviluppo del Bambino + aiutanti Bambino + Sviluppo del Bambino + aiutanti
da uno a tre anni

Aiuto nei lavori domestici

L’aiuto nei lavori domestici

Oggi, neonati, bambini e ragazzini possiedono molte “cose”. Giocattoli e libri sono essenziali per il gioco e l’apprendimento, sebbene l’eccessiva confusione possa sovra-stimolare i bambini rendendo difficile per loro concentrarsi e giocare in modo costruttivo. Allora, come gestire tutto questo?

È importante insegnare ai bambini, fin da piccoli, che, come membri di una famiglia, sono responsabili dei propri oggetti personali. Immagina un neonato, che ha appena imparato a stare seduto, mentre gioca a impilare delle costruzioni di legno con il papà. Il papà costruisce una torretta e il bambino la distrugge. Ripetono il gioco all’infinito. Al termine, il papà chiede al bambino di aiutarlo a rimettere le costruzioni nel cesto e il bambino ne butta dentro una. Fin da piccolissimo, il bambino impara a riordinare.

La partecipazione di neonati e bambini nel rimettere a posto e nel pulire, contribuisce a sviluppare le loro buone abitudini, non soltanto ora, ma per tutta la vita. Imparano ad apprezzare ciò che appartiene loro, a smistarlo e categorizzarlo e scoprono che, fare parte di una famiglia, impone la responsabilità condivisa di rendere piacevole la vita insieme.

In che modo motiviamo i bambini piccoli a collaborare in queste situazioni?

1. Proponendo semplici idee organizzative per la casa, che facilitano il riordino

2. Escogitando modi divertenti per riordinare

Semplici idee organizzative per la casa

Un modo per responsabilizzare i figli in merito a ciò che appartiene loro, consiste nel prevedere un sistema organizzativo semplice per libri e giocattoli che loro possano mantenere fin da piccolissimi. Un sistema chiaro, ordinato e definito (senza troppe opzioni di gioco disponibili ogni volta) influisce nettamente sul modo in cui il bambino gioca con ciò di cui dispone. Per i bambini piccoli è positivo avere più spazio per pianificare e immaginare, oltre a interagire maggiormente con un determinato giocattolo, senza essere distratti da troppe alternative.

Invece di buttare tutto di una grande scatola di giocattoli, prova con contenitori o cesti più piccoli su una mensola. Assegna un contenitore a ogni tipo di giocattolo, macchinine, costruzioni, animali, strumenti, ecc. Puoi persino aggiungere un’etichetta da bagagli con una foto o un’immagine di cosa vada riposto in ogni contenitore, in modo che i bambini capiscano dove mettere le cose. In questo modo, il tempo dedicato al gioco sarà più organizzato e, al momento di riordinare, potrai passare un cesto al bambino e chiedergli di raccogliere gli oggetti giusti. Mettere a posto risulterà così un’attività molto più gestibile.

Prendi in considerazione la rotazione di libri e giocattoli. Se ci sono troppi giocattoli contemporaneamente, i bambini piccoli correranno da uno all’altro, invece di dedicarsi a un’attività più coinvolgente con un solo giocattolo alla volta.

Dovresti quanto meno riporre (o eliminare completamente) i giocattoli non più adatti all’età o a cui il bambino non sia più interessato. Dividi i giocattoli (e i libri) in gruppi e falli ruotare regolarmente; i giocattoli non usati in questo momento, possono essere riposti e tornare in auge dopo qualche settimana. Oltre a limitare il disordine, i giocattoli del bambino restano sempre nuovi e interessanti.

Come mettere in ordine divertendosi

È importante coinvolgere neonati e bambini nel riordinare, ma ricorda di modulare le tue aspettative. Tieni conto di variabili come età, orario (sono stanchi o affamati) o altri eventi del momento. Sii coerente nel richiedere il loro aiuto, ma realistica su come e quando lo riceverai e in che misura. Inventa metodi per collaborare e rendi divertente l’attività:

  • Riordina insieme a tuo figlio. Ci sono più probabilità che il bambino partecipi se ti vedrà fare lo stesso. Dividetevi i compiti, assegnando una mansione alla volta, “Perché non metti le costruzioni nel cesto, mentre io mi occupo degli animali?”

  • Durante il gioco, osserva i tempi di passaggio da un’attività all’altra e usali come momenti istruttivi, “Vengo a giocare anche con le costruzioni, ma prima metto a posto i libri che stavamo leggendo.”

  • Rendi divertente il momento del riordino cantando o suonando mentre sistemate insieme.

  • Crea una routine del riordino da inserire nella giornata. Per esempio, ogni giorno prima di pranzo e cena dedica 5 minuti al riordino.

  • Con i bambini, prova a usare un timer. Impostalo per 3 minuti e proponi una gara per vedere chi metterà a posto più cose. Anche questo trasforma il riordino in un gioco divertente, anziché in un compito.

Attività che il bambino può svolgere

Oltre a riporre i giocattoli, i bambini spesso desiderano collaborare a una serie di faccende domestiche e queste sono buone abitudini da incoraggiare. Anche in questo caso, è importante mantenersi flessibili nelle aspettative. Non saranno capaci quanto te, ma è comunque importante lasciarli fare. Che tipo di faccende domestiche possono gestire i bambini? Dipende dall’età e dallo sviluppo, tuttavia compiti semplici da considerare a partire dai 18 mesi comprendono:

  • Spazzare con scopa e paletta

  • Mettere i vestiti sporchi nel cesto della biancheria al momento del bagnetto

  • Passare biancheria e mollette al momento di stendere il bucato

  • Un semplice compito di routine al momento di riporre il bucato pulito

  • Svuotare la lavastoviglie sotto la tua guida e supervisione

  • Apparecchiare la tavola

  • Aiutare a sparecchiare dopo i pasti

  • Spolverare

EmptyView