Bambino + Sviluppo del Bambino + sviluppo emotivo + tranquillizzare il bambino Bambino + Sviluppo del Bambino + sviluppo emotivo + tranquillizzare il bambino
da uno a tre anni

10 suggerimenti per tranquillizzare il bambino

Capita a tutti i genitori: una scenata con lacrime e urla al supermercato nell’ora di punta. Sono davvero imbarazzati mentre tentano di esprimere la desolazione per la situazione.

Cerchi di mantenere un’espressione impassibile mentre corri per il negozio, afferrando freneticamente i prodotti che ti servono per la spesa. Al tempo stesso, tenti disperatamente di calmare il tuo bambino irascibile.

Come puoi ridurre al minimo le probabilità di una scenata? Che il bambino faccia i capricci al supermercato o nella privacy della sua cameretta, la situazione è comunque molto stressante. Ricorda che non sei la sola. Capita a molti genitori.

Indizi comuni dell’avvento di un capriccio

  • Piagnucolare sommesso

  • Sfregamento degli occhi

  • Rifiuto di partecipare ad attività

  • Richieste continue

  • Il bambino continua a chiamarti

  • Pianto

Suggerimenti per calmare il piccolo

  • Respira profondamente. Il bambino è abituato a te e alle tue percezioni, quindi devi creare l’approccio giusto quando vedi che il crollo è imminente. Non ti sarà di alcun aiuto inquietarti o stressarti. Fai dei respiri profondi e concepisci il modo migliore per distrarlo dal capriccio. Più tardi, quando sarai sola, sarai libera di prendertela con un cuscino.

  • Organizzati. Pianifica spostamenti e attività in base alla sua gestione. In questo modo, potrai fare la spesa quando il bambino è riposato, anziché quando è stanchissimo o facilmente irritabile.

  • Sii coerente. I piccoli sono favorevoli alle routine. Devono sapere quando è l’ora dei pasti e del pisolino e che tu rispetterai il programma con coerenza. Con questa certezza, le probabilità che cedano ai capricci sono nettamente inferiori.

  • Prevedi una riserva. Quando esci, ricorda di portare sempre con te una bibita o uno snack di riserva. Fame o sete possono essere alla base dei capricci e avere qualcosa da dare al bambino è una notevole distrazione da potenziali scenate.

  • Mantieni la quiete. Cerca di tenere basso il livello acustico a casa. Alcuni neonati sono molto sensibili alla stimolazione sensoriale e le abitazioni possono essere luoghi straordinariamente rumorosi. Considera un televisore acceso, una radio a tutto volume e un telefono che squilla, in quanto la combinazione di questi suoni potrebbe creare una situazione critica per il tuo piccolo. Spegni tutto quello che non usi in modo da ridurre l’impatto sonoro.

  • Interrompi e cedi. A volte è meglio interrompere quello che fai e dedicarti completamente al tuo piccolo. Coccolalo per un po’ e cantate insieme le sue canzoni preferite. Rassicuralo e rivolgigli la tua completa attenzione, vedrai che dimenticherà il cattivo umore.

  • Cambia scenario. Se sei fuori e devi rientrare o viceversa, di solito un cambio di scenario può contribuire a calmare un bambino agitato, in quanto sarà distratto da un mondo completamente nuovo.

  • Fai qualcosa di nuovo. A volte sei costretta a interrompere qualunque cosa tu stia facendo. Che si tratti di piegare il bucato o fare la spesa, dovrai semplicemente interrompere e riprendere in seguito.

  • Prepara un bagnetto. La maggior parte dei neonati associa il momento del bagnetto al rilassamento di fine giornata. Preparandolo e lasciandolo giocare per un po’, creerai un’associazione positiva che lo aiuterà a calmarsi.

  • Rispetta il suo umore. Può capitare che il tuo piccolo sia irrequieto senza alcun motivo apparente. Se hai provato a calmarlo e non ha funzionato, concedete un po’ di spazio l’uno all’altra. Considera inoltre che potrebbe essersi ammalato, quindi potrebbe essere indicato verificare.

EmptyView