Genitori + Bambini + giardinaggio + giocare Genitori + Bambini + giardinaggio + giocare
da uno a tre anni

Giocare all'aria aperta

Acqua + terra = giocare all’aria aperta, nella natura

Senza dubbio i bambini piccoli adorano andare al parchetto e salire sui diversi giochi, ma siamo sicuri che tutte queste strutture moderne in metallo, plastica e gomma siano il divertimento più adatto per i bambini all’aria aperta? Se un bambino potesse scegliere, come sarebbe la sua area gioco all’aperto?

Non mancherebbero sicuramente acqua, terra e sabbia. Sassolini e rocce, alberi e rami, pezzi di corteccia. Molti cespugli e piante per creare nascondigli perfetti e rifugi ombreggiati. Esserini striscianti, come lumache e millepiedi, insetti e scarafaggi, farfalle e uccelli. Spazio per correre ma anche angolini tranquilli per starsene in pace o con gli amici. Sono queste le caratteristiche dell’ambiente esterno di cui i bambini non possono fare a meno.

Siamo circondati dalla natura, che ci offre un’aula all’aria aperta ricca di risorse, perfetta per lo sviluppo del bambino, con infiniti spunti per imparare divertendosi.

Giocare nella natura

  • I bambini, piccoli e grandi, usano tutti e cinque i sensi per conoscere il mondo intorno a sé: vista, udito, olfatto, tatto e gusto. Un ampio ventaglio di esperienze sensoriali è importante per favorire un precoce sviluppo cerebrale, poiché attraverso tali esperienze si formano le vie e le connessioni neurali.

  • I bambini imparano la relazione causa/effetto – Cosa succede se mischio terra e acqua? Perché non mi bagno se rimango sotto l’albero quando piove?

  • I bambini hanno la possibilità di prendere decisioni e risolvere i problemi mentre giocano – cosa fare con alcuni oggetti, come e quando usarli, ad es. se vogliono costruire qualcosa, dovranno mescolare acqua e sabbia. Se non c’è una fonte d’acqua, dovranno capire come portare l’acqua nella zona della sabbia o viceversa, e come trasportarla.

  • I bambini sviluppano il rispetto per il mondo naturale e per il posto che occupano in esso.

  • I bambini si impegnano in esperienze di gioco più complesse per periodi di tempo prolungati grazie alle innumerevoli possibilità offerte dai materiali naturali.

  • I bambini hanno l’opportunità di conoscere il proprio corpo e capire come comportarsi in situazioni nuove. Imparano a conoscere i propri limiti fisici e sviluppano istinti interiori mettendosi alla prova.

  • I bambini sono maggiormente attivi da un punto di vista fisico, ponendo le giuste basi per uno stile di vita più sano.

  • I bambini hanno spazio a disposizione e sono liberi di rilassarsi e dimenticare lo stress.

La natura dietro casa

Per giocare immersi nella natura basta aprire la porta di casa.

Una sabbiera o un fazzoletto di terra in giardino offre ai bambini tutto quello che serve per dare sfogo alla fantasia e alla creatività. Sembra che le proprietà tattili e sensoriali di sabbia (e fango) promuovano il benessere emotivo.

Basta aggiungere secchielli, palette, vecchie pentole, cucchiai di legno, setacci, animali di plastica o macchinine e camion giocattolo.

I bambini piccoli adorano giocare con l’acqua, che sia contenuta in un secchiello o in una piscinetta - l’importante è che un adulto sia sempre presente. Oltre a farlo divertire con un elemento naturale, avvicinerai il bambino ai concetti e al vocabolario della matematica e delle scienze.

È sufficiente aggiungere contenitori riciclati di varie forme e misure, bottiglie di plastica, tazze, un imbuto, tubi o canaline di plastica, un innaffiatoio e qualche spugna.

Le specie che sceglierai di piantare nel tuo giardino offriranno ai bambini un tesoro prezioso di colori, forme, consistenze e profumi tutti da esplorare. Rendere gli spazi del giardino accessibili ai bambini permette di favorire ogni tipo di gioco di fantasia e creatività, dove nascondigli e arrampicate, rifugi, alberi, cespugli, piante tappezzanti e fiori assumono funzioni specifiche nelle esperienze di gioco infantile.

Per identificare le piante più adatte ai bambini, chiedi informazioni allo staff del vivaio locale o fai una ricerca online. Assicurati che tutte le piante già presenti nel giardino siano correttamente identificate prima che i bambini vi si avvicinino o le usino per giocare. Insegna fin da subito ai tuoi bambini che fiori, foglie, steli, semi, gusci o bacche non devono essere messi in bocca.

Coltivare un orto ti permette di presentare al bambino l’idea del ciclo di vita, che riguarda tutti gli esseri viventi. Ti offre anche l’opportunità di insegnargli il rispetto e la cura della piante attraverso l’annaffiatura regolare, il controllo e la rimozione di insetti, e la delicatezza nel maneggiarle. I bambini, piccoli e grandi, potrebbero inoltre guardare le verdure nel piatto con occhi nuovi, dopo aver partecipato alla loro coltivazione.

Comincia dalle piantine per avere risultati più immediati, ad esempio pomodorini, fagioli, broccoli, zucca, fragole e varie erbe aromatiche.

Scegli un angolo del giardino o un vaso basso e largo e aiuta il bambino a creare il suo orticello personale. Porta il tuo piccolo al vivaio locale per scegliere qualche pianta: erbe aromatiche, piante tappezzanti e vasi di fiori colorati; una volta trapiantati e innaffiati, sarà tutto pronto per giocare. L’orticello potrà anche ospitare i personaggini di plastica, come gli animali della fattoria, omini, dinosauri e fatine.

Una voliera, alcuni ciottoli per creare le stradine, ponticelli fatti di bastoncini del gelato e piccole pigne e baccelli arricchiranno il paesaggio e le possibilità di gioco aumenteranno.

Esplorare la natura oltre il cancello

Se desideri che l’esplorazione vada oltre il giardino di casa, puoi scegliere tra gli altri ambienti naturali del posto:

  • Spiaggia

  • Fiume

  • Lago

  • Foresta

  • Giardini botanici

  • Parchi nazionali

Questi spazi offrono ai bambini preziose opportunità per esplorare i diversi elementi del mondo naturale.

Bambini e natura

Bimbi

  • Per un bambino piccolo, il mondo intero rappresenta una nuova avventura, tuttavia non è necessario chiuderlo in casa o tenerlo legato nel passeggino. Sistema il piccolo su una coperta stesa all’ombra. Il paesaggio, i suoni e gli odori lo conquisteranno e l’aria fresca farà bene anche alla neomamma.

  • Fai provare al piccolo la sensazione dell’erba sotto ai piedi e della sabbia tra le dita.

  • I più grandicelli impazziranno anche a giocare con le pozzanghere.

Bambini

  • Sabbia e acqua sono gli ingredienti perfetti per preparare torte e altre prelibatezze. Possono essere decorate con i piccoli tesori del giardino.

  • Salti a più non posso: i bambini adorano schizzare e saltare nelle pozzanghere, e in questo modo possono liberare tutta l’energia accumulata dopo una giornata piovosa trascorsa in casa.

  • Passeggiate nella natura: incamminatevi non prima di aver recuperato un secchiello o un sacchetto, per raccogliere sassi, corteccia, erba, foglie, baccelli e fiori. Che si tratti del quartiere, del parco, o della spiaggia, vi aspettano tante nuove scoperte.

  • Pronti, partenza, via: i bambini non stanno mai fermi e adorano correre, soprattutto se sei tu a inseguirli. Divertitevi a sfrecciare tra gli alberi o in mezzo al giardino.

  • Brrrrrum, brrrrrum: i bambini adorano guidare macchinine e camion giocattolo in giardino, facendo scorte di ciottoli, foglie e rametti.

  • Pranzo all’aperto: il relax aumenta quando si mangia all’aria aperta. Stendi una coperta e godetevi il picnic e i raggi del sole.

Età pre-scolare

  • Birdwatching: con il binocolo e un libro sugli uccelli preso in prestito in biblioteca siete pronti ad osservare le varie specie.

  • Osservazione delle formiche: una lente d’ingrandimento vi sarà utile. Alcuni bambini trascorrono ore a osservare il comportamento delle formiche.

  • Caccia al tesoro della natura: fai una lista (aggiungendo le immagini per i più piccoli) di cose da trovare all’aria aperta. Le possibilità sono infinite se consideri le creature, le parti delle piante e gli elementi del paesaggio naturale.

  • Fotografia: presta la macchina fotografica digitale al tuo bambino, e guarda il mondo esterno attraverso i suoi occhi. Stampa le foto che ha scattato per creare un album speciale e accanto a ciascuna scrivi i suoi pensieri per narrare la storia della sua avventura.

  • Insegna al tuo piccolo a realizzare collane di margherite: vince chi crea la più lunga.

  • Disegno: scegli un quaderno speciale per l’osservazione della natura e non dimenticare matite o pennelli colorati.

  • Pittura: sistema il cavalletto in giardino per trovare la giusta ispirazione in mezzo alla natura.

  • Frottage in natura: con carta e matita potete ricalcare le superfici di tutto il giardino. Corteccia, foglie, sassi... Quante forme e rilievi riuscite a trovare?

  • Osservazione delle stelle: uscite non appena fa buio o andate al planetario più vicino.

  • Rimbalzello: Scegli un fiume o un corso d’acqua locale e insegna al tuo bambino a far rimbalzare i sassi sull’acqua.

Gioco e sicurezza

Come accade in ogni parco giochi, i genitori devono fissare alcune regole affinché i bambini possano giocare in mezzo alla natura in tutta sicurezza:

  • Protezione solare: scegli degli indumenti che coprano il più possibile la pelle, un cappello dalla tesa larga e applica la crema solare prima di uscire a giocare. Evita le ore più calde del giorno (tra le 10 e le 15) e controlla l’ombra a disposizione quando i bambini giocano all’aperto.

  • Scegli i vestiti in base al meteo: stivali di gomma, un impermeabile e strati di vestiti caldi sono un buon investimento per giocare all’aperto durante i mesi più freddi. Prepara un asciugamano e vestiti puliti prima di uscire, in modo da cambiare subito il bambino dopo il gioco.

  • Acqua: svuota subito i contenitori e la piscinetta dopo il gioco; il rischio di annegamento sussiste anche in soli 50 mm di acqua.

  • Contatto con la bocca: Sin dalla più tenera età, insegna ai bambini a non mettere in bocca fiori, foglie, steli, semi, gusci o bacche.

  • Rispetto per la natura: insegna ai bambini a trattare con rispetto e delicatezza i fiori e le creature come le lumache e i millepiedi, specificando di stare lontani dai ragni.

Scopri la sezione dedicata alla Sicurezza del bambino per maggiori informazioni.

EmptyView