Bambino + educazione al vasino + problemi + suoi bisogni Bambino + educazione al vasino + problemi + suoi bisogni
da uno a tre anni

I suoi bisogni

I suoi bisogni

Cosa succede quando si trattiene? Affrontiamo un problema comune

Il controllo degli sfinteri può comportare qualche difficoltà, tuttavia non rappresenta un problema comportamentale. E la buona notizia è che è facile superare il problema! Tuttavia è utile sapere che non sempre i bambini trattengono i bisogni di proposito.

I bambini trattengono i bisogni per una serie di motivi. Tra le cause più comuni per cui il tuo bambino potrebbe rifiutarsi di farla in bagno o nel vasino troviamo:

Dolore

Un bambino che sia stato costipato anche una sola volta, avendo dovuto forzare dolorosamente, si ricorderà del dolore e cercherà di "trattenerlo" per le volte successive. Questa prima stipsi potrebbe essere causata da una malattia recente, o di una serie di altre cause, ma il dolore diventa un problema a lungo termine.

Paura

Per ragioni non del tutto comprensibili, alcuni bambini hanno paura di "lasciar andare" i propri escrementi nella toilette. Certamente non si tratta di una paura razionale per un adulto, quindi può essere difficile da capire, ma è molto concreta per il bambino.

Controllo

Non si tratta di un evidente problema comportamentale, ma di un problema comune nello sviluppo. I bambini spesso sentono di avere poco controllo sul proprio ambiente, e questo è invece un ambito su cui possono esercitare un controllo completo.

Distrazione

A volte un bambino può essere talmente coinvolto in un'altra attività da non considerare lontanamente la possibilità di fermarsi per andare in bagno. Si tratta di una reazione inconscia, ma può causare problemi.

Cause della stitichezza

Ciò che accomuna tutti questi problemi è che possono portare alla stitichezza, che, quando diventa cronica, può portare a una patologia detta encopresi. Quando un bambino non ha ancora il controllo completo degli sfinteri e comincia a trattenersi (per qualsiasi motivo), il colon può diventare dilatato e occluso. Questo causa il passaggio di feci molli, che scivolano intorno alla massa fecale trattenuta, l’evacuazione della massa può diventare molto dolorosa e difficile per il bambino.

I bambini che soffrono di encopresi non riescono a trattenere e sembrano essere incontinenti, cosa che sconvolge i genitori che dicono: "Perché non va semplicemente al bagno?” Il fatto è che si tratta di una patologia sulla quale il bambino non ha alcun controllo.

Il trattamento dell'encopresi varia a seconda della causa e di solito prevede la somministrazione di lassativi per un certo periodo di tempo.

Per questo motivo è importante che un genitore si rivolga a uno specialista o al pediatra quando c'è un problema di questo genere.

Determinare se si tratta o meno di una patologia può rendere la soluzione molto più facile per tutti.

La stitichezza può anche essere una causa anche di incidenti di incontinenza diurna. Quindi tienilo in considerazione se il tuo bambino all'improvviso inizia ad avere più incidenti più spesso durante il giorno.

Nel frattempo prediligi per l’alimentazione del tuo bambino alimenti ad alto contenuto di fibre, come frutta e verdura, e incoraggialo a bere molti liquidi ed evita eccessi di latticini.

Aiutare il bambino a lasciarsi andare

Angela Lewis racconta che sua figlia Susanna, di 4 anni, era la "bambina perfetta" sotto ogni punto di vista, non le aveva mai dato alcun problema come quelli che molti genitori affrontano con figli in età prescolare.

Questo fino a quando ha cominciato l'educazione al vasino. Fin dall'inizio, sua figlia ha opposto resistenza all'educazione al vasino. Infine, circa 8 o 9 mesi fa, ha iniziato a urinare regolarmente, ma si rifiuta assolutamente di fare la pupù in bagno. Angela ha mantenuto il suo senso dell'umorismo, ma la sua frustrazione è evidente.

"L'abbiamo elogiata ogni volta che va a fare pipì in bagno", dice. "Ci siamo dati il cinque e abbiamo ballato, dicendole che dovrebbe provare anche a fare la pupù!”

Cosa dovrebbe fare Angela?

Nei casi in cui non ci sono patologie evidenti, il controllo deve essere restituito alla bambina. In altre parole, Angela dovrebbe semplicemente aiutare Susanna ad affrontare i suoi problemi alla toilette e poi andarsene.

Questo può sembrare più facile a dirsi che a farsi, ma per Jennifer è stata questa strategia che ha reso molto più facile il suo secondo giro dell’educazione al vasino. Quando il figlio maggiore di Jennifer, Brian (ora ha 7 anni) stava imparando a usare il vasino, aveva un serio problema a trattenersi a causa della paura.

Il medico di Jennifer le consigliò di provare a metterlo sul vasino con indosso il pannolino e di fare dei buchi sempre più grandi nel pannolino. Alla fine la sua pupù cominciò a "cadere" nel gabinetto, lui vide che andava tutto bene e dopo di che andò tutto liscio.

Dopo di allora Jennifer ha cominciato a insegnare a usare il vasino anche a un’altra figlia e anche lei si tratteneva. Questa volta ha gestito la questione con molto più distacco, e non considerandolo come un grande problema, come con il suo primo figlio.

"L’educazione al vasino è una di quelle cose che possono causare ai genitori molta frustrazione", dice. "Eppure, quando lasciamo che i bambini si gestiscano da soli e ci mostrano quando sono pronti, si sentono molto più sicuri di sé e autonomi.

La prima volta che Madelyn mi ha detto: "Ce l'ho fatta", con un gran sorriso, mi sono detta: "Ma perché non ho permesso a Brian di fare questa esperienza, di sentirsi così orgoglioso di sé?” Vedendola dal mio punto di vista, la mia esperienza dimostra in modo toccante la differenza fra insegnare a usare il vasino perché vogliamo liberarci del problema o perché il bambino è davvero pronto".

Aiutare il bambino a superare la paura

  • Chiarisci l'obiettivo con il tuo bambino. Spiegagli che "il tuo corpo fa la pupù ogni giorno" e "la pupù vuole uscire ogni giorno".

  • Chiedi al pediatra di consigliarti un lassativo o un emolliente per le feci se pensi che il tuo bambino soffra di encopresi.

  • Lascia che sia il bambino a decidere quando ha bisogno di andare in bagno.

  • Fai sapere al bambino che vorresti che il momento di sedersi sul vasino o sul water fosse molto divertente. Chiedigli se desidera un libro speciale.

  • Pensa a incentivi che incoraggino l'uso del bagno, come stelline premio su un grafico o un calendario.

  • Rendi il vasino comodo. Assicurati di tenere il vasino nella stanza in cui gioca di solito. Nei primi giorni, questo darà al bambino un comodo promemoria visivo.

  • Consenti al bambino di indossare mutandine assorbenti per l’educazione al vasino per incoraggiarlo a rilasciarsi invece di trattenersi.

  • Aiuta tuo figlio a cambiarsi se si sporca, senza commenti o recriminazioni. Rendila un'attività rapida e neutra.

EmptyView