Bambino + Alimentazione del Bambino + alimentazione Bambino + Alimentazione del Bambino + alimentazione
da uno a tre anni

Alimentazione del bambino

La crescita del bambino

Se un bebè consuma molta energia/cibo per la crescita, un bambino mangia anche per compensare il dispendio energetico dovuto al movimento e per mantenere una massa corporea maggiore.

Quali sono i segnali della crescita e dello sviluppo nella prima infanzia?

  • Aumento della massa muscolare

  • Calo del peso, anche se le femmine tendono a mantenere più peso rispetto ai maschietti

  • Tra i due e i tre anni di età, la diffusione dei liquidi corporei tra le varie parti del corpo è simile a quella di un adulto

  • Rallentamento del tasso di crescita fenomenale associato alle prime fasi, ma maggiore crescita in statura

  • Sviluppo quasi completo del cervello (75%) intorno ai 2 anni

  • Il riflesso della sete si assesta definitivamente tra i due e i tre anni

  • Il bambino è meno in grado di dosare le energie. È ancora necessaria la supervisione del genitore

  • Maggiore diffidenza verso il cibo, capricci

Da un lato, quindi, i lattanti e i bambini in età prescolare rallentano la crescita. Dall’altro sono già persone con un certo numero di impegni e hanno bisogno di cibo nutriente per sostenere la crescita e l’attività fisica. Il prossimo, significativo stadio della crescita avverrà nella prima adolescenza.

Dosi raccomandate: ora è tutto diverso

Piccola informazione di servizio prima di addentrarci nell’universo dell’alimentazione. La maggior parte di noi ha già sentito o conosce il termine RDA, ma ci sono altre nozioni da sapere sul consumo e sulle dosi.

Innanzitutto, quando si parla di RDA (dose giornaliera raccomandata), si fa riferimento alla quantità di nutrienti necessarie per coprire ogni fabbisogno di una persona, all’interno di una popolazione. Alcune quantità sono state aggiornate recentemente. Per esempio, non ci sono più differenze tra la dose di calcio raccomandata per le donne in gravidanza e quelle non in gravidanza.

Ora che hai gli strumenti di base, qual è la tua opinione sui dati? Tieni presente che qualsiasi raccolta di dati dà sempre qualche problema, ma puoi comunque individuare degli andamenti generali.

Come sta andando?

  • Il livello di calcio nei più piccoli è positivo. Nei più grandicelli invece non va bene

  • Nessuna sorpresa: le verdure sono decisamente al di sotto della soglia

  • I bambini non mangiano abbastanza cereali e alimenti integrali

  • I valori delle fibre sembrano nella norma

Ci sono notizie buone e notizie meno buone. Sicuramente avevi già qualche sospetto, specialmente se tuo figlio è un po’ schizzinoso. In un mondo ideale i nostri figli mangiano esattamente quello che gli diamo. Sarebbe tutto più facile, vero? Peccato che la realtà sia quasi sempre diversa. Se ti sembra che tuo figlio non mangi abbastanza verdure, sappi che non se sola. Finché gli dai in prevalenza cibo sano, sei sulla giusta strada.

Dopo tutto non ci sono solo cattive notizie. In fin dei conti devi guardare alle specificità di ogni bambino.

EmptyView